Nella mattinata del primo giugno, nell’ambito delle attività della Rete delle Scuole all’aperto e dell’ Outdoor education, il parco del Convitto Nazionale “Regina Margherita” ha accolto in visita alcune classi dell’Istituto Comprensivo 1 di Alatri accompagnate dalle maestre, dal Dirigente Scolastico Prof.ssa Rossella Veglianti e dalla referente per la rete delle “Scuole all’aperto”, la maestra Roberta Pietrobono: ciascuno di loro, con entusiasmo e professionalità ha accolto l’idea di costruire una rete con il Convitto di Anagni, credendo fortemente, insieme al Rettore Prof. Fabio Magliocchetti, in questo coinvolgente modo di fare scuola. 

L’Outdoor education include una grande varietà di attività didattiche che vanno da esperienze di tipo percettivo-sensoriale (orto didattico, visite a fattorie, musei, parchi, ecc.) ad esperienze basate su attività sociomotorie ed esplorative tipiche dell’Adventure education  (orienteering, trekking, vela, ecc.), a progetti scolastici che intrecciano l’apertura al mondo naturale con la tecnologia (coding, robotica, tinkering, ecc.), fino a percorsi educativi profondamente ispirati alla tradizione nordeuropea.

Il Convitto Nazionale e l’IC Alatri 1 hanno aderito entrambe alla Rete Nazionale delle Scuole all’Aperto, adottando la metodologia didattica dell’Outdoor Education al fine di creare una scuola che supera il modello trasmissivo grazie agli strumenti propri della didattica attiva, mettendo lo studente in situazioni di apprendimento continuo e cooperativo, che gli permettono di argomentare il proprio ragionamento, di correggerlo strada facendo e di presentarlo agli altri.

L’evento è stato preparato e realizzato dagli gli alunni delle classi quarte della scuola Primaria del Convitto e dalla classe 5F del Liceo Linguistico del Convitto, coordinati dalle rispettive insegnanti che hanno progettato nei giorni precedenti le modalità di svolgimento della caccia al tesoro “naturalistica” con premio finale per tutti (i segnalibro creati per l’occasione dai bambini della Primaria del Convitto) e hanno realizzato lo striscione posto sulla scalinata dell’edificio, dove tutti gli allievi del Convitto si sono posti in attesa della scuola di Alatri, intonando festosamente una canzone di benvenuto. Tutti gli alunni, divisi per gruppi ed accompagnati da tutor di riferimento, ovvero gli studenti del liceo, hanno poi avuto modo di visitare il parco, l’orto realizzato e tutti gli spazi antistanti, compreso il fiabesco “Giardino di Ousmane” una vera e propria infrastruttura ecologica, verde, inclusiva, ottima per la socializzazione, uno spazio nato grazie ai volontari dell’associazione “Sconfinatamente”, che hanno collaborato attivamente alla riuscita dell’iniziativa.

La mattinata si è un conclusa con il rinfresco preparato per l’occasione dal personale della Cucina del Convitto, cuochi e collaboratori scolastici, e con il saluto dei due dirigenti scolastici a tutti partecipanti che si sono dati appuntamento al prossimo anno scolastico per realizzare insieme nuovi progetti e attività.

articolo a cura della prof.ssa Eurosia Civitella