l'area di proprietà comunale rivestita di vegetazione; sullo sfondo, in alto, l'ex clinica "Madonna delle Grazie"

Arbusti da foresta pluviale, ortiche, vegetazione incolta: c’era una volta il panorama. Per non parlare, poi, del pericolo determinato dagli animali selvatici; non tanto volpi, tassi, istrici, ricci, colombacci, picchi e compagnia cantante quanto, piuttosto, pericolosi ratti, per ora tenuti a bada dai numerosi gatti del quartiere, ma pur sempre rappresentanti un problema non certo da sottovalutare

Ad inviare la segnalazione al nostro giornale, un gruppo di residenti nella zona che lamentano lo stato di degrado e di abbandono in cui versano i terreni di proprietà comunale attigui alla palazzina dell’ex tribunale, ora sede della Polizia Locale, dei Carabinieri Forestali e della Guardia di Finanza

“Da anni l’erba non viene tagliata e l’area, ormai, è diventata un vero e proprio boschetto – spiega un residente – qui, un mare di rami, di vegetazione secca e incolta fagocita la vista che potrebbe essere mozzafiato. Chiediamo un intervento urgente e risolutivo per la sistemazione dell’area e del taglio della vegetazione, in considerazione – anche – delle gravi conseguenze che potrebbe avere sulle persone e sui luoghi un potenziale incendio”.