L’olio d’oliva, vergine ed extravergine, è stato protagonista a Colleferro nelle scorse due settimane. Si è trattato del “Corso tecnico riconosciuto per assaggiatori di olio di oliva vergine ed extravergine” tenuto per la prima volta dal Capol di Latina in provincia di Roma.

Il corso è stato autorizzato dalla Regione Lazio e patrocinato dal Comune di Colleferro. Vi hanno partecipato diciassette aspiranti assaggiatori, che hanno conseguito l’attestato di idoneità fisiologica necessario a proseguire il percorso per arrivare all’iscrizione nell’elenco nazionale tenuto dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali.

Di grande valore scientifico e tecnico i relatori del corso. Docenti sono stati infatti: il professor Maurizio Servili, dell’Università di Perugia; il dott. Alessandro Rossi, per 15 anni presidente della Lilt di Latina; l’agronomo Alberto Bono; il capo panel e presidente del Capol di Latina, Luigi Centauri. Analisi organolettica, normativa sulle etichette, riconoscimento dei difetti dell’olio, pratiche agronomiche, proprietà salutistiche e nutrizionali gli argomenti trattati.

Gli “studenti” sono confluiti a Colleferro da Roma, Velletri, Artena, Valmontone, Segni, Olevano Romano, Priverno, Carpineto Romano e Genzano. Alla teoria si è accompagnata la pratica, con assaggi di oli difettati, vergine ed extravergine. Si è aggiunta una visita sul campo al frantoio dell’azienda agricola “La Rosciola” di San Vito Romano che quest’anno ha vinto il premio”Oro Verde”. È seguito l’esame di idoneità fisiologica che si è tenuto a Latina.

Sabato mattina alla consegna degli attestati è intervenuto il vice sindaco di Colleferro, Giulio Calamita, che ha pronunciato parole di apprezzamento per l’iniziativa. Il vice sindaco ha inoltre messo in rilevo il ruolo di Colleferro nella promozione dei prodotti del territorio circostante la città industriale.

Luigi Centauri: “grazie all’Associazione Ferao che ha curato la logistica del primo corso del Capol in provincia di Roma”

Il responsabile del corso, Luigi Centauri, ha sottolineato lo “spessore dei relatori dal punto di vista scientifico”, ringraziando “l’Associazione Ferao che ha curato la logistica dell’iniziativa, permettendo così la realizzazione del primo corso dell’Associazione Capol in provincia di Roma”.

“Durante le lezioni – ha proseguito Centauri – sono stati approfonditi sia i metodi di coltivazione dell’olivo e le tecniche di trasformazione e conservazione dell’olio, sia il rapporto dell’olio con la salute. Particolare attenzione è stata posta sulle metodologie di valutazione delle caratteristiche sensoriali per imparare a ‘scoprire e riconoscere’ i pregi e i difetti degli oli, con successivo esame sulle proprietà organolettiche”.

Luigi Biagi (associazione Ferao): “offrire momenti di formazione è la strada per far crescere il territorio”

“Abbiamo fortemente voluto questo primo corso per assaggiatori in provincia di Roma – ha affermato il presidente dell’Associazione Ferao, Luigi Biagi – e per questo ci siamo messi a disposizione del Capol di Latina, che da anni è attiva nella formazione e nell’informazione della popolazione sulle proprietà dell’olio extravergine di qualità“.

“Riteniamo che offrire occasioni di formazione sull’olio evo di qualità ai produttori e ai consumatori – ha aggiunto il presidente – sia la strada giusta per far crescere il territorio anche dal punto di vista economico. Ecco perché anche in futuro continueremo a promuovere il settore con il concorso Oro Verde e con corsi analoghi a quello che si è tenuto a Colleferro. Per quello appena terminato – ha concluso – ringraziamento per la loro disponibilità l’associazione Capol e il Comune di Colleferro”.