Dal 17 maggio al 7 luglio 2022 l’Istituto di Storia e Arte del Lazio meridionale di Anagni propone la mostra documentaria “Gli Statuti comunali nella biblioteca Giuseppe Marchetti Longhi”. 

Un’occasione per conoscere la collezione degli Statuti comunali contemporanei custodita nella biblioteca intitolata allo storico Marchetti Longhi, specializzata nella raccolta di opere riguardanti il Lazio meridionale e che conta più di 14.000 titoli.

L’inaugurazione della mostra, con la presentazione del professore Gioacchino Giammaria, è prevista martedì prossimo alle 10.30 nella sede dell’Isalm (convitto Regina Margherita di Anagni) e potrà essere visitata su prenotazione oppure sul canale YouTube dell’istituto fino al 7 luglio.

La biblioteca “Giuseppe Marchetti Longhi” è nata nel 1983 da una donazione da parte del nipote dello storico, il dottore Valerio Bufacchi. Un patrimonio culturale che si è ampliato nel tempo con ulteriori donazioni: altri volumi sono stati donati da monsignor Filippo Caraffa e molti sono di proprietà del professore Salvatore Sibilia, regalati alla biblioteca dalla vedova.

La biblioteca conserva, inoltre, molte opere rare risalenti ai secoli passati e fa parte dell’Associazione Interbibliotecaria Biblioteche Valle del Sacco.

L’Istituto di Storia e di Arte del Lazio meridionale è nato a Roma nel 1945 e riconosciuto come Ente Morale nel 1974.  L’Istituto si propone di promuovere e diffondere, anche attraverso la ricerca e lo studio, la conoscenza della storia, dell’arte e delle tradizioni popolari del Lazio meridionale; di favorire la conservazione dei monumenti e delle opere d’arte che ne sono l’espressione; di svolgere attività educative per la diffusione dei fini suddetti, anche attraverso un organico rapporto di scambio e di collaborazione con il mondo della scuola e delle università; di esplicare un servizio culturale di carattere operativo tramite la gestione di musei, biblioteche, archivi e altre istituzioni culturali del territorio.