Il mese di marzo ha visto nascere la collaborazione tra l’Associazione “Risorse Donna” e lo stabilimento di Frosinone del Gruppo ABB a sostegno dell’iniziativa “Valigia ABB – Abbigliamento e Beni per i primi Bisogni”,una proposta che si ispira al progetto regionale “Valigia di Salvataggio” nato per rispondere in tempo reale alle necessità di chi scappa dagli abusi.

L’associazione “Risorse Donna” da anni svolge interventi specifici di prevenzione della violenza di genere e supporto alle donne vittime di violenza. Solo nel 2021 sono state registrate dal Centro antiviolenza 134 richieste di aiuto di cui almeno la metà riguardavano richieste di accoglienza in un luogo protetto. Il progetto della “Valigia” nasce per sostenere le donne vittime di violenza nel momento immediatamente successivo all’uscita da casa, un’emergenza per allontanarsi in poche ore, con il minimo indispensabile, se si riesce, per poter poi accedere in una casa rifugio.

Il personale dipendente dello stabilimento ABB di Frosinone si è reso protagonista di un’azione di solidarietà e sostegno per un intervento immediato, diretto e concreto, donando valigie, borsoni e zaini per donne e bambini/e, contenenti i beni per la prima accoglienza – intimo, asciugamani, set igiene, pigiamini – accompagnati da messaggi di vicinanza e incoraggiamento verso la libertà e un futuro sereno. Un gesto che prova ad attutire quel senso di confusione e stravolgimento, in cui percepire concretamente, con la “valigia ABB”, di non essere da sole.

Le valigie ABB saranno destinate alle donne accolte dal Centro antiviolenza “Stella Polare” e dalla Casa Rifugio “Essere Libera”.

“L’Associazione “Risorse Donna” ringrazia tutto il personale dipendente e l’azienda ABB che, con il progetto della “valigia”, si fa pioniera di un un’azione unica nella Provincia di Frosinone a favore delle donne e dei minori inseriti nei percorsi di uscita dalla violenza. Un senso di responsabilità sociale verso un fenomeno, quello della violenza di genere, in cui ogni parte della società può svolgere il suo ruolo”.

nota stampa a cura dell’associazione “Risorse Donna”