Home In evidenza Una riflessione di Legambiente Anagni sulla vicenda Catalent

Una riflessione di Legambiente Anagni sulla vicenda Catalent

"i recenti articoli di stampa e le esternazioni della politica locale ci muovono ad una riflessione sulla vicenda delle autorizzazioni ambientali di Catalent. Tutte le informazioni citate sono riscontrabili sul sito del Ministero per la Transizione Ecologica", scrive Rita Ambrosino - presidente del circolo di Legambiente Anagni - nell'articolo inviato alla nostra redazione

la zona industriale di Anagni

La questione della caratterizzazione ambientale del sito industriale attualmente di proprietà della società Catalent ha inizio nel 2020.

In sede di acquisizione, il precedente proprietario del sito, la società Bristol-Myers Squibb (B-MS), concorda con la società acquirente che sarebbero rimasti a suo carico tutti gli oneri relativi alle pratiche per la caratterizzazione del sito.

Il 4 maggio 2020 B-MS presenta il piano di caratterizzazione, il successivo 8 giugno viene convocata la Conferenza dei Servizi per l’approvazione del piano che, con decreto del 11 settembre 2020, viene approvato, con alcune richieste del Ministero per valutare l’effettiva estensione della contaminazione riscontrata nelle acque sotterranee e nei terreni nei punti d’indagine ubicati in prossimità del confine di proprietà del sito”, oltre a qualche prescrizione di natura tecnica e metodologica. 

Occorre precisare che l’Area Verde e l’Area Pharma, a cui il decreto di approvazione del piano fa riferimento, sono note negli archivi delle bonifiche già dal 1991 quando fu rilevata la prima contaminazione in quelle aree. 

Si ritiene opportuno far notare che questa contaminazione preesistente comporterebbe le necessità di caratterizzazione, analisi di rischio e adempimenti successivi, come previste dal D. Lgs. 152/2006, indipendentemente dall’esistenza del SIN Bacino del Fiume Sacco, anche se il sito in questione non fosse compreso all’interno dell’attuale perimetro del SIN Bacino del Fiume Sacco come definito nel Decreto MATTM n. 321 del 21/11/2016. 

Successivamente al decreto del settembre 2020 la società B-MS ha avviato il piano di caratterizzazione e il 29.09.2021 vengono trasmessi, al MiTE e agli enti competenti, l’analisi di rischio sanitaria e ambientale.

ISPRA e ARPA chiedono integrazioni e revisioni in relazione ai percorsi di migrazione, alla lisciviazione dei contaminanti e ad altre questioni tecniche ritenute necessarie che richiedevano perciò l’aggiornamento del documento.

Catalent non è, quindi, l’attuatore responsabile delle pratiche ambientali, che fanno capo, invece,  alla B-MS. 

Il Comune di Anagni, adottando la propria deliberazione per lo snellimento dei procedimenti edilizi nella porzione di territorio comunale ricompresa nel SIN (DG n. 347 del 28/11/2019) potrebbe avere di fatto bypassato la regia e le norme ministeriali per le attività in area SIN? 

Questo cortocircuito istituzionale potrebbe aver generato confusione in una società multinazionale convinta che le norme dello Stato italiano per le attività nei Siti d’Interesse Nazionale per le Bonifiche abbiano validità in tutto il Paese, tanto nel SIN Caffaro di Brescia che in quello della Valle del Sacco, in provincia di Frosinone?

Dunque, quando si scrive che la pratica autorizzativa di Catalent è rimasta bloccata a causa del “maledetto” SIN a cosa si fa riferimento, esattamente? 

L’accordo di programma siglato il 7 marzo 2019 tra MiTE e Regione Lazio, chiarisce responsabilità e compiti per l’attuazione dei primi 8 interventi su siti da caratterizzare/bonificare: si stabilisce che 

Regione Lazio è l’ente il Responsabile Unico per l’attuazione (RUA) degli interventi indicati nel cronoprogramma. Non sono previsti interventi su siti contaminati di proprietà privata, come questo di Catalent in cui, tra le altre cose,  a contaminazione è precedente all’esistenza stessa del SIN.

La recente nomina del dott. Bonsignore come Commissario Regionale per l’attuazione del cronoprogramma del marzo 2019 ha l’obiettivo di velocizzare i procedimenti di caratterizzazione/bonifica del SIN, per gli interventi già stabiliti e per i quali Regione Lazio è l’ente procedente.

Il risanamento delle criticità ambientali della Valle del Sacco è un percorso complesso, fatto di decisioni politiche, di gestioni amministrative, di risorse economiche e di soluzioni tecniche da applicare opportunamente. Ed è in colpevole ed intollerabile ritardo. 

Chiediamo che le istituzioni tutte si impegnino, per quanto di propria competenza, ad accelerare sulle operazioni previste dal cronoprogramma

Auspichiamo che i mass media si adoperino per evitare di alimentare confusione nei lettori e negli abitanti della Valle del Sacco rifiutandosi di dare voce a messaggi mistificatori.

Tutti i SIN in Italia avrebbero bisogno di procedure più snelle e, su tutti, lo Stato deve intervenire per proteggere i cittadini residenti a cominciare dalla messa in sicurezza delle fonti di contaminazione esistenti

Ci aspettiamo che la tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente vada almeno di pari passo con la tutela degli interessi degli investitori, nelle azioni dei nostri amministratori.

articolo a cura della dott.ssa Rita Ambrosino, presidente del circolo di Legambiente Anagni