Home Anagni Biodigestore Anagni: la nota del movimento del “no”

Biodigestore Anagni: la nota del movimento del “no”

Saxa Gres

Dura lex sed lex. Le regole vanno rispettate e le regole sul SIN valgono anche sul biodigestore. 

Il 6 aprile si è appreso dalle osservazioni della Provincia che dal 28 aprile inizieranno le indagini preliminari sui terreni. Pertanto, come già segnalato nelle osservazioni del nostro Movimento tramite Legambiente e Quartiere Cerere, non risulta svolta l’attività di “caratterizzazione” dei terreni dichiarata dalla Società ad agosto. 

In altre parole, la procedura funzionale all’eventuale bonifica del sito in area SIN non era ancora iniziata al 6 aprile. Pochi giorni fa è esploso il caso Catalent ed è partita una campagna mediatica, cavalcata ed anzi lanciata dal Sindaco Natalia, per far cambiare velocemente le regole sul SIN. 

Sig. Sindaco, si rende conto che con la sua campagna di “sburocratizzazione” e criminalizzazione del SIN lei sta chiedendo al Governo di far cambiare la legge? È il caso di farlo ora? 
Proprio ora che la normativa sul SIN potrebbe bloccare il biodigestore?

nota stampa a cura del Movimento “No al biodigestore” Anagni