Marc Innaro, corrispondente Rai dalla Russia

“In seguito all’approvazione della normativa che prevede forti pene detentive per la pubblicazione di notizie ritenute false dalle autorità, a partire da oggi la Rai sospende i servizi giornalistici dei propri inviati e corrispondenti dalla Federazione Russa“. E’ quanto si legge in una nota stampa della Rai diramata poco dopo l’ora di pranzo di oggi, sabato 5 marzo 2022.

“La misura si rende necessaria al fine di tutelare la sicurezza dei giornalisti sul posto e – si legge ancora nella nota – la massima libertà nell’informazione relativa al Paese. Le notizie su quanto accade nella Federazione Russa verranno per il momento fornite sulla base di una pluralità di fonti da giornalisti dell’Azienda in servizio in Paesi vicini e nelle redazioni centrali in Italia“.