Home Anagni Biodigestore Anagni. Il coordinamento ambientale scrive al sindaco Daniele Natalia

Biodigestore Anagni. Il coordinamento ambientale scrive al sindaco Daniele Natalia

"la questione non è chiusa: il 6 aprile la seconda convocazione della conferenza dei servizi"

Saxa Gres

Di seguito pubblichiamo integralmente e senza modifiche la lettera aperta inviata dai responsabili del coordinamento ambientale Anagni-Colleferro al primo cittadino di Anagni avv. Daniele Natalia e per conoscenza alla nostra redazione:

LA DIREZIONE REGIONALE AMBIENTE – AREA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (AIA), DELLA REGIONE LAZIO, con Protocollo nr: 223707 – del 04/03/22 ha convocato la 2° seduta della Conferenza di Servizi per il giorno 06/04/2022 ore 10:30 – avente per oggetto:- Istanza di Autorizzazione Integrata Ambientale ( AIA ) per nuovo impianto di Biodigestione e Compostaggio sito in loc.Selciatella di Anagni.

Signor Sindaco,

nello scorso mese di ottobre Lei ha annunciato, a sorpresa, il Suo NO all’impianto di un BIODIGESTORE in località Selciatella DI ANAGNI dopo aver sostenuto convintamente per due anni le ragioni del SI’.

Ha spiegato il cambiamento della Sua posizione, motivandola con l’ascolto delle proteste e del dissenso della gran parte degli anagnini, sottolineando la Sua insufficiente considerazione delle specifiche caratteristiche tecniche dell’impianto e delle conseguenze preoccupanti per la salubrità

 dell’ambiente e la salute della popolazione.

IL SUO NO HA CONFUSO MOLTISSIMO LA POPOLAZIONE CHE ad oggi:

 1. PENSA CHE LA QUESTIONE SIA CHIUSA

 2. E’ CONVINTA CHE IL BIODIGESTORE NON SI FARA’

 3. HA DIMENTICATO I RICORSI PRESENTATI AL TAR (TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE )

 MA NON E’COSI’

Nella Conferenza di Servizi del prossimo 6 aprile la Regione potrebbe rilasciare definitivamente l’autorizzazione all’Impianto e il parere sanitario del Sindaco è obbligatorio ed ha un peso amministrativo e politico di primo piano in quanto gli viene riconosciuto l’esercizio di una serie di poteri di garanzia.

QUINDI PER ESSERE EFFICACE E CONGRUENTE CON IL SUO NO, TORNIAMO A CHIEDERLE DI DARE SEGUITO AL SUO NO VERBALE CON UN NO GIURIDICAMENTE LEGITTIMATO DALL’ESERCIZIO DEI POTERI RICONOSCIUTI AL SINDACO, CONFERMANDO NELLA PROSSIMA CONFERENZA DI SERVIZI DEL 6 APRILE LA SUA NETTA OPPOSIZIONE ALL’IMPIANTODI UN BIODIGESTORE PER LO SMALTIMENTO DI 84.000 tonn. annue DI RIFIUTI SOLIDI URBANI AD ANAGNI IN LOCALITA’SELCIATELLA, TENENDO ANCHE CONTO DELLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 39 DEL GIORNO 2 DICEMBRE 2021. 

IL COORDINAMENTO AMBIENTALE ANAGNI-COLLEFERRO

ANAGNI VIVA 

COMITATO RESIDENTI COLLEFERRO, 

DIRITTO ALLA SALUTE – DAS

RETUVASA Rete Tutela Valle del Sacco

nel ricorso al TAR è rappresentato dagli avv. FLORIDI e GALANTI. 

I cittadini che vogliono continuare a contribuire liberamente alle spese legali per il ricorso, possono farlo versando 

 sull’IBAN n. IT 96 X08 344 7429 000000 184 8050

 intestato all’Associazione “ Anagni Viva ” presso BancAnagni, con causale 

 “NO al Biodigestore”

Anagni, 15 marzo 2022