Buon sangue non mente, è proprio il caso di dirlo. Il nonno Primo, tra il 1943 e il 1945 venne rinchiuso in un campo di prigionia ad Amburgo per essersi rifiutato di collaborare con l’esercito tedesco e la Repubblica di Salò. Per lui medaglia d’onore e l’elogio di ben due Presidenti della Repubblica Giorgio Napolitano e Sergio Mattarella. A quasi 80 anni di distanza a portare in alto questo cognome è il nipote di Primo, Piero Carpentieri militare della Guardia di Finanza.

Con una missiva indirizzata al Presidente del Senato on. Maria Elisabetta Alberti Casellati e al Presidente della Camera on. Roberto Fico, il sindaco del Comune di Bellegra, Flavio Cera, ha elogiato l’opera di questo suo concittadino. Ecco il testo della lettera:

L’emergenza Covid19 ha portato alla luce l’opera di un nostro cittadino, Piero Carpentieri, militare della Guiardia di Finanza…che ha dato il suo contributo senza indugio soprattutto a riflettori spenti. Il Comune di Bellegra desidera oggi ringraziare il suo cittadino, per la sua solidarietà non lasciando soli soprattutto nei momenti di emergenza i cittadini di Bellegra e non solo, offrendo il suo supporto ai più disagiati durante il lockdown. Il suo impegno è stato l’esempio di come la solidarietà non abbia colore, razza, stato sociale, religione o identità di genere. Si è distinto come cittadino generoso e instancabile, fondamentale a far si che i civili siano stati soccorsi e confortati nel momento di necessità.