Lascia per pochi minuti la borsa in auto, i ladri non si fanno sfuggire l’occasione e – dopo aver infranto il finestrino – gliela rubano.

A subire l’ennesimo furto nella zona della piscina comunale è stato un professionista di Anagni che ha subito lanciato un appello per ritrovare i documenti ed eventualmente consegnarli ai Carabinieri. I ladri potrebbero essersene liberati gettandoli in qualche fossato.

Dentro alla borsa c’erano solo alcuni documenti, il badge per accedere sul luogo di lavoro, qualche spiccio; più che il furto in sé a bruciare di più sono i danni provocati all’auto e la rabbia per il vile gesto.

Sul posto, poco dopo l’accaduto, sono intervenuti i militari della Compagnia di Anagni che hanno avviato le indagini; solo pochi minuti più tardi, nei pressi di via San Magno – quindi non distante dal luogo del primo furto – alcune altre autovetture sono state prese di mira allo stesso modo, quasi sicuramente dalla stessa mano.

Negli ultimi mesi sono stati diversi i colpi messi a segno, impunemente, dai soliti ignoti nella zona del parcheggio della piscina comunale, in via San Magno e nel parcheggio del cimitero comunale. Di uno di questi episodi avevamo dato conto in questo articolo. I Carabinieri continuano ad indagare e non è detto che, entro breve, possano risalire al responsabile o ai responsabili di quanto accaduto.