Peggiora di giorno in giorno e in maniera significativa la situazione già denunciata qualche giorno fa dal nostro giornale nei pressi della stazione ferroviaria di Ferentino dove alcuni residenti lamentano la presenza di numerosi rifiuti a bordo strada: materassi e divani (o, meglio, ciò che ne resta…), ciarpame da bivacco, rifiuti domestici di ogni genere che attirano animali selvatici pericolosi

“Una situazione – spiegano i residenti – che va avanti ormai da qualche mese; le nostre numerose richieste non hanno sortito effetto alcuno e ancora oggi, malgrado anche la vostra denuncia su anagnia.com, nessuno è riuscito a risolvere. In una società civile non si può e non si deve accettare che rifiuti di questo genere vengano abbandonati in questo modo, comportando anche rischi importanti per la salute di uomini, donne e bambini”. 

Stando a quanto riferito dagli stessi residenti, ad imbrattare in tal modo i luoghi sarebbero i residenti di un unico palazzo, tutti extracomunitari e tutti locatari di un unico locatore, proprietario del palazzo stesso, il quale – sempre a detta dei residenti – nulla starebbe facendo per impedire che la situazione degeneri. 

Contattati telefonicamente da questa redazione, i responsabili di Lavorgna srl, la ditta che si occupa della gestione dei rifiuti solidi urbani nel territorio comunale, dicono di essere a conoscenza di questa e di altre situazione simili ma di non poter intervenire se non dietro richiesta scritta da parte dell’ente affidante il servizio.  

Il sindaco di Ferentino avv. Antonio Pompeo: “monitoriamo la situazione”

Il sindaco di Ferentino – chiamato in causa da anagnia.com – fa sapere di aver parlato con gli uffici comunali preposti e che “la situazione, al momento, è sotto costante monitoraggio da parte dell’ufficio Ambiente”, riservandosi di informare questa redazione su eventuali novità “non appena possibile”. 

Maurizio Berretta, consigliere comunale: “scenario indegno, si faccia qualcosa”

Sulla questione è intervenuto anche il consigliere comunale della Lega Maurizio Berretta, tra i primi a recarsi personalmente sul posto dopo la pubblicazione del nostro articolo: “indegno lo scenario a ridosso della stazione ferroviaria di Ferentino, con cumuli di rifiuti – anche pericolosi – ovunque. Un luogo che dovrebbe essere il biglietto da visita della città. Il Comune intervenga subito, senza tentennamenti, per verificare anche cosa accade a livello sociale, in alcuni stabili in loco. È  inaccettabile lo status di fermo e di silenzio dell’Ente. Entro prossimo il Consiglio comunale ne pretendo la risoluzione”.

Un problema anche sanitario serio, che richiede un intervento immediato e risolutivo non solo da parte dell’ente locale– che non può e non deve restare a guardare – ma anche da parte delle stesse autorità sanitarie le quali sono tenute a verificare quanto sta accadendo in quell’angolo di città.