“La pace non è mai la soluzione e quello a cui stiamo assistendo in questi terribili giorni in Ucraina è la drammatica testimonianza di quanta indicibile sofferenza lasci dietro di sé chi utilizza le armi al posto del dialogo e della mediazione. Il terrore, la paura, il senso di privazione e smarrimento, le tragiche immagini che tutti noi possiamo vedere in tv e sui cellulari: non ci è consentito restare inermi di fronte a  tutto questo. Insieme dobbiamo impegnarci ad essere costruttori di pace”.

“La guerra non è mai la soluzione e quello a cui stiamo assistendo in questi terribili giorni in Ucraina è la drammatica testimonianza di quanta indicibile sofferenza lasci dietro di sé chi utilizza le armi al posto del dialogo e della mediazione. Il terrore, la paura, il senso di privazione e smarrimento, le tragiche immagini che tutti noi possiamo vedere in tv e sui cellulari: non ci è consentito restare inermi di fronte a  tutto questo. Insieme dobbiamo impegnarci ad essere costruttori di pace”.

Così il sindaco di Ferentino, Antonio Pompeo, annuncia l’iniziativa di mercoledì 2 marzo 2022, alle ore 21, in piazza Matteotti: un raduno silenzioso di luce per dire ‘no’ alla guerra. Una fiaccolata per invocare la fine di questo orrendo conflitto, che vedrà la cittadinanza riunita nella piazza centrale del paese, dove grande sarà la presenza dei giovani. Durante la serata saranno letti riflessioni e pensieri sul valore della pace e tutte le campane delle chiese cittadine suoneranno in contemporanea.

L’iniziativa si svolgerà nel rispetto delle normative anti-Covid e chiunque vorrà potrà accendere una candela, posizionandola su finestre e balconi delle proprie abitazioni.