la via Casilina, in località Osteria della Fontana

Sono stati considerati i valori delle PM2,5 rilevate unitamente alle PM10 ed alle PM1 dalle centraline del sistema Ancler. Il riferimento è al valore del PM2,5, piuttosto che al PM10, perché il PM2,5 è correlato con maggior precisione  all’insorgenza   delle   malattie e dalla  mortalità. La capacità patogenetica del PM2,5 è concentrazione dipendente. Più sono alti i valori, maggiore il rischio di malattie gravi e di morti premature.

Secondo la normativa per le PM2,5 il valore limite ammesso in Europa è di 25 mcg/m3 quale media annua, di 10 mcg/m3 per l’OMS. Nel mese di dicembre 2020, Frosinone nella parte alta della città, ha presentato la condizione migliore rispetto a tutti i comuni della provincia con quasi il 50% del periodo con concentrazioni inferiori a 25mcg/m3. Nella parte bassa invece, le concentrazioni sono nei limiti di media per il 15% del tempo alla Stazione e per il 20% a Madonna della Neve, mentre per il 33% del tempo alla Stazione e per il 42% a Madonna della Neve, i valori sono oltre tre volte il limite.

A Sora il 30% del tempo entro il limite, il 15% oltre il doppio, il 30% con valori tre volte l’ammesso. Cassino presenta i dati peggiori  rispetto tutti gli altri comuni: solo il 12% del tempo del mese nei valori limiti, il 20% del tempo oltre il doppio ed il 47%  di dicembre con esposizione a concentrazioni superiori tre volte il limite della media ammessa. La maglia nera provinciale è passata, rispetto lo stesso periodo dell’anno precedente, da Frosinone a Cassino.

Mentre Frosinone, nella parte bassa della città, quella notoriamente più inquinata, ha registrato un peggioramento contenuto ed in linea con i valori dell’anno precedente, a Cassino,  l’esposizione a periodi di tempo con concentrazioni oltre tre volte la norma è aumentata dal 36% al 47%, conseguenzialmente il periodo con concentrazioni entro la media di 25 mcg/m3 si è ridotto dal 31% al 12%. Un peggioramento evidente, significativo ed estremamente preoccupante per noi Medici, che riconosciamo alle PM2,5 una capacità patogenetica drammatica, in grado di colpire ogni apparato con un determinismo inesorabile per le malattie più gravi.  I numeri sono implacabili per Cassino come per Frosinone, ma altrettanto implacabile appare la volontà di chi in tali contesti progetta e persegue la realizzazione addirittura di una  quarta linea dell’inceneritore di San Vittore posto a pochi chilometri di distanza dal centro di Cassino e l’insediamento di un biodigestore per il trattamento di 50.000 tonnallate di rifiuti umidi, dentro la città di Frosinone.  

nei grafici riportati i colori indicano la concentrazione secondo la legenda in basso a sinistra. Più sono scuri, più sono in alto e più sono pericolosi. All’interno delle aree colorate è riportata la percentuale   del   tempo   di   esposizione   a   quella   concentrazione   durante tutto   il   periodo   di riferimento. Nella parte bassa, in tabella, il numero assoluto delle ore di esposizione alla concentrazione corrispondente alla linea

Le concentrazioni più elevate e maggiormente persistenti, come si   evince dalla disposizione dei colori del grafico e dalle percentuali riportate, si registrano a Cassino e a Frosinone Scalo (Pietrobono).

articolo a cura del dott. Giovambattista Martino, coordinatore Associazione Medici di Famiglia per l’Ambiente