128 nuovi casi positivi a fronte di 1093 tamponi processati nel giorno di Santo Stefano. Sono questi i dati diramati oggi dall’ufficio Stampa dell’ASL di Frosinone che riferisce anche che i negativizzati nelle ultime ore sono 73.

In totale, negli ospedali della provincia di Frosinone, in questo momento sono ricoverate 63 persone.

E’ stato registrato il decesso di un uomo di 81 anni residente a Frosinone, con pregresse patologie.

L’appello del sindaco di Paliano Domenico Alfieri

OLTRE 715 MILA SOMMINISTRAZIONI IN UN ANNO. UNO SFORZO ENORME A BENEFICIO DELLA POPOLAZIONE.

LA ASL INVITA A VACCINARSI

Un anno fa il primo vax day della provincia di Frosinone. Presso la sala dell’Ospedale “F. Spaziani”, furono iniettate le prime cinque dosi ad altrettanti operatori sanitari, seguite da altre 35 vaccinazioni durante l’arco della giornata.

Da allora, tutti i medici, infermieri e operatori socio-sanitari dei punti vaccinali, hanno somministrato oltre 750 mila dosi, a ritmo serrato, senza alcuna pausa, lavorando di giorno e di notte per proteggere la popolazione dal virus.

La vaccinazione ha evidenziato enormi benefici: ridotti i ricoveri in terapia intensiva, il numero dei decessi e i gravi danni alla salute.

Pressione sulle strutture ospedaliere più che dimezzata. La vaccinazione ha permesso di fare scudo nei confronti di coloro che, a causa di patologie in atto, non possono ricevere il siero.

La novità delle ultime settimane, è rappresentata dalla vaccinazione della fascia giovane, quella che va dai 5 agli 11 anni. La risposta dei bambini ciociari è stata massiccia e piena di entusiasmo: in pochi giorni sono stati già 2 mila a ricevere la prima dose del vaccino pediatrico.

In totale, le prime dosi somministrate sono oltre 315 mila, le seconde oltre 301 mila, le terze, con la campagna in pieno svolgimento, sono già quasi 130 mila.

I residenti della provincia vaccinati almeno con una dose sono, ad oggi, l’80,5%.

È alla popolazione che ha scelto di non vaccinarsi che la Asl di Frosinone fa appello: “Come sottolineato dalla Conferenza mondiale Science for Peace and Health 2021, il vaccino è un diritto di tutti, ma anche un dovere civile, il dovere di concorrere a tutelare la salute pubblica. Il vaccino è la più potente arma che abbiamo, al momento, per combattere il Covid-19. Grazie al vaccino e al grande senso di responsabilità dimostrato dalla maggioranza della popolazione frusinate, siamo riusciti a riacquistare gran parte delle nostre libertà”.

Le vaccinazioni andranno avanti, come già accaduto per Natale e Santo Stefano, anche nei prossimi giorni di festa.

Dal 30 Dicembre 2021, si apriranno inoltre le prenotazioni delle terze dosi per la fascia d’età 16-17 e per i giovani dai 12 ai 15 anni (in questa fascia solo i soggetti fragili).

Gli hub a loro riservati sono quelli dello Spaziani di Frosinone e di Stellantis a Cassino.