Il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha ieri – 18 dicembre 2021 – a Ceccano e Frosinone tre nuovi cantieri per migliorare la viabilità stradale della provincia di Frosinone. Erano presenti il sindaco di Ceccano, Roberto Caligiore e il Presidente del Consorzio Industriale Unico del Lazio, Francesco De Angelis.

Questi cantieri rientrano nel pacchetto generale di 16 opere che saranno realizzate da qui al 2023, per un investimento totale di 13 milioni di euro, in accordo con il Consorzio Industriale di Frosinone e Astral.

“Le buone infrastrutture sono la precondizione per rendere forte il tessuto economico della nostra regione, per creare lo sviluppo e il lavoro di cui le nostre comunità hanno bisogno. Tutto questo – ha dichiarato il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti –  in contemporanea con due grandi occasioni: l’arrivo delle grandi risorse del Pnrr e della nuova programmazione 21-27, che costituiscono un’opportunità eccezionale per liberare le potenzialità di una provincia come quella di Frosinone e l’avvio del Consorzio industriale unico, il più grande consorzio industriale italiano, fortemente voluto dalla Regione Lazio.”

Nello specifico, le opere inaugurate sono:

•       Frosinone: Rotatoria tra asse attrezzato e strada Asi 4 (671.653,99 euro).

•       Frosinone: Rotatoria tra asse attrezzato e strada. Asi 7 (806.297,71 euro)

•       Ceccano: strada di penetrazione in dx fiume Sacco – strada 7D. (1,mln euro)

Gli altri interventi previsti fino al 2023 sono:

•       Frosinone sulla “Strada di penetrazione via Fontana del Sambuco, svincolo su via delle Noci” (2 milioni di euro);

•       Frosinone, “Strada di penetrazione via Centurie – via Fontana del Melo” (1,2mln);

•       Frosinone, “Adeguamento strada di penetrazione Via Antonello da Messina” (400 mila euro);

•       Frosinone, “Adeguamento strada Via Ponticelli” (400 mila euro);

•       Anagni, “Completamento Asse Viario – Località Selciatella” (1,5 milioni);

•       Anagni, “Manutenzione straordinaria strade secondarie Anagni in Località Selciatella” (800mila euro);

•       Arpino, “Adeguamento ed ampliamento della strada di connessione in comune di Arpino” (1.050.000,00);

•       Ceprano, “Adeguamento e messa in sicurezza strade adiacenti in prossimità del Polo Artigianale comunale di Ceprano” (500mila euro);

•       Sora, “Interventi di messa in sicurezza strada regionale di collegamento tra Sora e Frosinone – Via Di Villa Carrara realizzazione di rotatoria all’intersezione tra Via di Villa Carrara e la SR 267” (500mila euro);

•       Broccostella, “Interventi di sistemazione e ampliamento di via Ferrazza” (350mila euro);

•       Ferentino, “Messa in sicurezza rotatoria Ferentino – Asse Attrezzato. Rifacimento Impianto Fognario Sottostante” per un costo stimato di 300mila euro;

•       Assi stradali La Fabbrica del Bello, “Interventi di valorizzazione paesaggistica e mitigazione ambientale, adesione Progetto Ossigeno Regione Lazio” per un costo stimato di 500mila euro;

•       Frosinone, “Rotatoria via Le Lame Tomacella” per un costo stimato di 800mila euro.

Tre cantieri inaugurati tra Frosinone e Ceccano. De Angelis: “La politica dei fatti che porta sviluppo e occupazione”. Zingaretti: “E ora la grande opportunità del Consorzio Industriale del Lazio”. La nota del consorzio ASI

Due rotatorie sull’asse attrezzato di Frosinone e una strada di penetrazione a Colle Lami, in territorio di Ceccano. Tre nuovi cantieri inaugurati nella giornata di oggi dal presidente del Consorzio Industriale del Lazio, Francesco De Angelis. A scoprire simbolicamente il cartello dei lavori il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. Con loro anche il prefetto Ernesto Liguori e il sindaco di Ceccano Roberto Caligiore. Presenti tra gli altri il presidente della Provincia Antonio Pompeo, i consiglieri regionali Sara Battisti, Mauro Buschini e Loreto Marcelli, oltre alle autorità militari.

A non mancare il cda e il collegio sindacale del Consorzio di Frosinone, esponenti di Unindustria e Federlazio e gli imprenditori che hanno le loro aziende che insistono nelle zone interessate dai lavori, destinati a migliorare la viabilità stradale e, di conseguenza, le condizioni lavorative delle loro realtà imprenditoriali.

I tre cantieri sono i primi tre del pacchetto di sedici opere che saranno realizzate da qui al 2023, per un investimento totale di circa tredici milioni di euro e per cui hanno lavorato di comune accordo Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Frosinone, Regione Lazio ed Astral.
Nello specifico, i cantieri consegnati oggi sono quelli riguardanti la rotatoria tra l’asse attrezzato di Frosinone e la strada Asi 4 (671.653,99 euro); la rotatoria tra l’asse attrezzato di Frosinone la strada Asi 7 (806.297,71 euro) e la strada di penetrazione in destra del fiume Sacco – strada /D, in territorio di Ceccano (1 milione di euro).

Infrastrutture determinanti, come le altre che si andranno a realizzare da qui al 2023, per rendere il territorio più attrattivo e far sì che le aziende che insistono sullo stesso siano maggiormente competitive.
Particolarmente soddisfatto il neo presidente del Consorzio Industriale del Lazio, Francesco De Angelis. “Grazie al presidente Zingaretti, che ha voluto fortemente queste opere. E grazie alle imprese. Perché questi sono progetti costruiti insieme.

Questa è quella che io chiamo la politica del fare. Non amiamo gli annunci, ma lavoriamo nell’interesse di questo territorio. Le rotatorie sull’asse attrezzato e la strada di penetrazione a Ceccano sono fondamentali per le imprese e noi oggi inauguriamo questi cantieri.
Ogni azione, prima del Consorzio di Frosinone e oggi del Consorzio del Lazio, è stata e sarà finalizzata all’interesse delle imprese e del territorio, che desideriamo diventi sempre più attrattivo. Questo si traduce in occupazione e sviluppo.

Una ratio che guiderà tutti i nostri interventi anche rispetto alla nuova mission del Consorzio Unico”. “Le buone infrastrutture sono la precondizione per rendere forte il tessuto economico della nostra regione, per creare lo sviluppo e il lavoro di cui le nostre comunità hanno bisogno. Tutto questo – ha dichiarato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti – in contemporanea con due grandi occasioni: l’arrivo delle grandi risorse del Pnrr e della nuova programmazione 21-27, che costituiscono un’opportunità eccezionale per liberare le potenzialità di una provincia come quella di Frosinone e l’avvio del Consorzio industriale unico, il più grande consorzio industriale italiano, fortemente voluto dalla Regione Lazio. Bello inaugurarlo non con un convegno ma con un tour di cantieri, che fa ben capire quanto sia necessario il Consorzio unico”. Nel corso della giornata presentato anche il progetto pilota della “Fabbrica della bellezza”, per la riqualificazione delle aree industriali.