Le voci che circolano sulla soppressione delle stazioni di Cassino, Frosinone e Orte sono assolutamente infondate. La Regione Lazio infatti è già a lavoro per rinnovare il contratto di servizio con Trenitalia Long Haull”, è quanto afferma – in una nota – l’assessore regionale alla Mobilità, Mauro Alessandri. Che aggiunge: “è necessario attendere i tempi tecnici e burocratici perché questo avvenga, ma con certezza posso affermare che i treni continueranno a circolare regolarmente anche nel 2022, senza subire alcuna interruzione. Si tratta, non dimentichiamolo, di un servizio fondamentale per tantissimi pendolari che usano il trasporto su rotaia quotidianamente per motivi di lavoro o esigenze personali, che come Regione Lazio vogliamo assicurare per agevolare gli spostamenti di migliaia di cittadini”.

SARA BATTISTI: “REGIONE STANZIA 2,4 MILIONI, A FROSINONE E CASSINO RESTA TRENO ALTA VELOCITÀ”

“Grazie ad uno stanziamento della Regione Lazio di 2,4 milioni, già previsto nella legge di bilancio che approveremo nei prossimi giorni, le fermate del treno ad Alta velocità a Frosinone e Cassino saranno assolutamente confermate. Attualmente, e per questo brevissimo periodo, il sistema di prenotazione non prevede la possibilità di erogazione dei biglietti in quanto il contratto con la società Trenitalia Loung Hall, già pronto, attende la copertura economica che, come detto, è già stanziata in bilancio. Dopo l’ok del consiglio regionale, sarà immediatamente ripristinata la possibilità di acquisto biglietti per gli utenti”.

Così in una nota Sara Battisti, presidente della commissione regionale Affari Costituzionali.

“L’alta velocità in provincia di Frosinone – spiega – sta portando risultati importanti in termini di sviluppo economico e visibilità turistica. Un obiettivo che tutti insieme abbiamo raggiunto e che la Regione, come dimostra questo ulteriore stanziamento, vuole difendere e implementare”.