via Cerere Navicella (foto di Vito Lauretti, che ringraziamo)

Non dà tregua l’ondata di maltempo da allerta arancione che ha investito il centro Italia nelle ultime ore, con danni e disagi registrati in particolare nelle province di Roma e Frosinone. A nord della Capitale, lo straripamento di piccoli fiumi provocato dalle abbondanti piogge ha determinato l’allagamento delle campagne circostanti, ma senza causare problemi alle abitazioni.

Per quanto riguarda la provincia di Frosinone, ad Anagni e nei Comuni vicini, è sotto controllo la situazione del fiume Sacco per quanto il livello dell’acqua si sia alzato notevolmente già dai giorni scorsi. Sul posto la situazione viene monitorata costantemente anche dai tecnici della Provincia di Frosinone.

in via Morolense, località Le Coste, tra Anagni e Morolo, la forte pioggia ha causato la dispersione di pietrisco sulla sede stradale; i tecnici dell’ente provinciale era sul posto oggi pomeriggio – dopo l’ora di pranzo – per verificare la situazione (foto di Mauro Musa, che ringraziamo)

Ad Anagni, in via Cerere Navicella, uno sfaldamento del parapetto di tufo verso la strada ha richiesto l’intervento della Polizia Locale e dei Vigili del Fuoco di Frosinone per un controllo; è probabile – fanno sapere dal Comune di Anagni – che il traffico, in quel tratto, già da oggi o domani possa essere fatto transitare a senso unico alternato per evitare incidenti. Un altro sfaldamento, meno preoccupante del primo, si è verificato sulla Circonvallazione sud, nel tratto compreso tra il parco della Rimembranza e via Case nuove.

Molte, comunque, le zone della province di Frosinone e Roma in cui il maltempo ha comportato seri problemi di viabilità, in alcuni casi formando veri e propri laghetti che occupano tutta la carreggiata sulle sedi stradali. Non essendo recepito dal sistema fognario obsoleto e sovraccarico, il flusso di acqua non riesce a trovare sfogo e si riversa dove non dovrebbe.