il portico comunale

La scorsa settimana sono venuto a sapere, tramite una dichiarazione del Segretario Generale, dell’esistenza di un parere legale in merito alla incompatibilità per aver fatto un ricorso contro il Mega impianto di Biodigestione dei rifiuti: tale parere era stato richiesto dal Comune di Anagni e nessuno ne era a conoscenza.

Fernando Fioramonti

L’informazione è arrivata a noi consiglieri di minoranza dopo il voto, compatto e favorevole, dell’attuale maggioranza capeggiata da Natalia – unico contrario/astenuto Naretti – alla delibera attraverso la quale si è dato avvio all’iter di contestazione contro di me e contro Valeriano Tasca della presunta incompatibilità in virtù della sottoscrizione da parte mia e del collega Tasca del ricorso al TAR avverso la realizzazione del Biodigestore, sono venuto a conoscenza, tramite una dichiarazione del Segretario Generale, che esisteva un parere legale sul punto, richiesto dal Comune di Anagni e di cui nessuno era a conoscenza.

Nonostante infatti lo scorso 12 ottobre ad una mia richiesta di acquisizione di tale parere, il Segretario riscontrava che a quella data non esisteva alcun parere ma che si impegnava a trasmetterlo qualora fosse richiesto e venisse rilasciato. Ebbene sono al Consiglio ed anche oggi del parere che esiste non v’è traccia ed il Segretario non ha ancora provveduto. Ritengo, insieme al collega Tasca, che la condotta del segretario possa ledere le nostre prerogative e la possibilità di svolgere le nostre controdeduzioni nella maniera più chiara e trasparente possibile.

Per questo nella serata di ieri – afferma Fernando Fioramonti consigliere comunale del movimento Cittatrepuntozero – ho dato mandato, insieme al collega Tasca, al legale che ci sta seguendo nella procedura di presunta incompatibilità, Avv. Guglielmo Cecilia, di inviare una formale diffida al segretario generale del Comune di Anagni. Il legale ha provveduto nella serata di ieri protocollando la diffida in Comune con cui si intima al segretario di provvedere al rilascio del parere entro tre giorni. Copia della diffida è stata inviata anche al Prefetto di Frosinone dott. Liguori. Siamo pronti a dare battaglia in ogni sede nei confronti del segretario generale se lo stesso non asseconda le nostre legittime richieste.

nota stampa a cura del dott. Fernando Fioramonti, consigliere comunale per il gruppo Cittàtrepuntozero