Non ha nulla a che vedere con lo Sport quanto accaduto sabato scorso – 20 novembre 2021 – al campo sportivo “Primo Frosoni” dove era in programma la gara Vis Sgurgola – Torrice valida per il campionato provinciale della categoria Juniores riservata ai ragazzi di età compresa tra i 15 e 20 anni: al termine della gara, infatti, per cause ora al vaglio dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radio Mobile della Compagnia di Anagni, alcuni dei giovani calciatori in campo se le sono date di santa ragione.

Al parapiglia si sono poi aggiunti alcuni genitori dei ragazzi che, scesi dagli spalti da cui hanno assistito alla partita, si sono diretti verso il campo di gioco e hanno preso parte, come hanno potuto, al triste spettacolo.

La rissa, secondo quanto riferiscono alcuni testimoni, sarebbe iniziata poco dopo il termine dell’incontro, terminato 3 a zero per i padroni di casa contro il Torrice, primo in classifica. Sulla questione è intervenuto il presidente della Vis Sgurgola Calcio che si è detto “turbato più dal grave comportamento dei genitori che da quello dei giovani calciatori, tutti ragazzi d’oro che, tra l’altro, dopo il parapiglia, hanno anche fatto pace abbracciandosi“.