uno scorcio di Anagni

Nella seduta Consiliare di martedì 16 novembre scorso è stata approvata a maggioranza l’acquisizione al Patrimonio Comunale della “Casa e Giardino Colacicchi“.

La proposta, firmata da decine di nomi illustri dell’Arte e della Cultura, era stata avanzata formalmente lo scorso anno dall’Associazione Culturale “Anagni Viva“ e dall’Istituto di Storia e di Arte del Lazio meridionale al Sindaco e a tutti i Consiglieri, ed era stata accolta con molto interesse perché Giovanni Colacicchi è stato un concittadino illustre e un artista tra i più importanti del ‘900 le cui opere sono presenti nei Musei italiani e stranieri.

“La decisione di acquisto rappresenta, quindi, una voce di assoluta peculiarità tra quelle, certamente importanti, discusse dal Consiglio, per il suo significato che va oltre gli impegni dell’ordinaria amministrazione della città”, è scritto in una nota inviata a questa redazione da Anagni Viva, Diritto alla Salute e Istituto di Storia ed Arte del Lazio meridionale.

E, ancora: ” tale scelta riguarda un ”investimento” in termini culturali significativo e lungimirante, di cui diamo atto all’Amministrazione, e che risponde al convincimento che ha sostenuto Anagni Viva e l’Isalm nel credere nella bellezza della proposta a suo tempo avanzata. Vorremmo sottolineare che acquisire al Patrimonio comunale “Casa Colacicchi“, per renderla sede permanente dedicata alla conoscenza e alla memoria dell’ artista, esprime il riconoscimento dei valori autentici e duraturi che alimentano e fanno crescere la coscienza civile e morale di una comunità. E nei giorni così difficili che stiamo vivendo è proprio dal Patrimonio della Cultura, dell’ Arte e della Memoria che riusciremo a trarre le energie necessarie per resistere e superare le prove dure che abbiamo di fronte.Dovremo ora studiare con il professor Francesco Colacicchi, figlio di Giovanni, insieme a professionisti di sicura competenza, i progetti realizzabili per trarre da questo acquisto tutte le potenzialità che offre per arricchire il Patrimonio di arte e cultura della città e del suo Centro storico a beneficio dei cittadini e dei visitatori”.