A Lampedusa, sull’Isola dei Conigli, tra sogno e realtà, una tartarughina che si è appena affacciata alla vita incontra una donna che è alla fine di un lungo viaggio. Può una piccola tartaruga fare la differenza nella vita di una donna che porta sul cuore un fardello pesante? Nell’arco di una notte, però, le loro vite sapranno intrecciarsi in maniera inaspettata e, con la sua dolcezza e ingenuità, la tartarughina riuscirà a fare la cosa più difficile: mettersi nei panni dell’altro. Che è anche la più semplice di tutte”. Questo l’abstract della bellissima fiaba per ragazzi (ma non solo…) “La Tartaruga Caretta caretta” scritta in versi da Federica Ponza, illustrata da Claudia Morini ed edita dalla casa editrice ChiPiùNeArt Edizioni.

Sabato pomeriggio 13 novembre scorso, nel Centro Culturale Comunale “Eureka” di Piglio si è tenuta la presentazione del libro alla quale hanno preso parte, tra gli altri, anche le due giovani autrici. L’incontro è stato organizzato dal Comune di Piglio e in particolare dal sindaco Mario Felli, dalla consigliera con delega alla Cultura Maria Grazia Borgia e dal consigliere con delega al Turismo Matteo Celletti.

“Il racconto – si legge in una nota inviata a questa redazione dal Comune di Piglio – nasce all’interno del progetto teatrale MadeInterraneo, realizzato dall’artista anagnino Andrea Di Palma. Tale progetto racchiude in sé molti volti, ma una sola anima: uno spettacolo teatrale fatto di racconto e musica (Premio Doit 2020 e Premio ConfrontiCreativi 2018), una favola in versi illustrata finalmente divenuto libro, un progetto musicale. Tutto ciò con l’obiettivo di dare voce e dignità all’importante e moderno tema delle migrazioni e dei viaggi in mare, convinti che questa complessa tematica non possa essere esaustivamente rappresentata solo affidandosi a freddi numeri“.

Dal 13 novembre al 21 novembre 2021, sarà possibile visitare liberamente la mostra “Leave(s)” con le tavole del libro che è stata allestita negli spazi del centro culturale, ma senza rivelare una sorpresa riservata ai lettori: infatti il libro contiene una decima tavola (inedita) che non verrà esposta e che è stata realizzata appositamente per la pubblicazione.