Home Politica Contributi a fondo perduto per alberghi, agriturismi e B&B: un milione di...

Contributi a fondo perduto per alberghi, agriturismi e B&B: un milione di euro dalla Camera di Commercio di Frosinone/Latina

la Camera di Commercio di Frosinone e Latina istituisce, con la gestione dell’Azienda Speciale Informare, un contributo alle Micro, Piccole e Medie Imprese del settore turismo, con l’obiettivo di rilanciare il comparto. Domande al via dal prossimo 15 novembre

la sede della Camera di Commercio di Frosinone

Un milione di euro per la concessione di contributi alle imprese turistiche delle province di Frosinone e Latina. È il frutto dell’impegno concreto della Camera di Commercio del Basso Lazio in favore delle attività del settore particolarmente provate dal lungo stop causato dalla pandemia. Grazie al “Bando per il sostegno alle imprese turistiche 2021”, l’Ente istituisce, con la gestione dell’Azienda Speciale Informare, un contributo alle Micro, Piccole e Medie Imprese del settore turismo, con l’obiettivo di rilanciare il comparto mediante misure di promozione ed incremento della competitività.

A partire dal prossimo 15 novembre alberghi, agriturismi e B&B potranno, dunque, presentare le domande per ottenere il contributo a fondo perduto per le seguenti azioni: sconti alla clientela per la promozione dell’afflusso turistico destagionalizzato (voucher); interventi formativi per management e personale addetto ai servizi turistico-ricettivi collegati alle necessità di apprendimento ed approfondimento formativo; fornitura di beni e/o servizi di promozione e pubblicità della struttura ricettiva collegati alla scontistica del bando; fornitura di beni e/o servizi finalizzati al rilancio, ammodernamento e innovazione strutturale e strumentale delle imprese del comparto. Il bando, pubblicato lo scorso 8 novembre, è consultabile sul sito istituzionale dell’Azienda Speciale Informare.

Giovanni Acampora

“La strada percorsa dall’Ente camerale è ormai chiara – ha commentato il presidente della Camera di Commercio di Frosinone e Latina, Giovanni Acampora – la manovra economica senza precedenti messa in campo in favore delle imprese ne è la testimonianza. Il bando per il sostegno alle imprese turistiche rientra in un impegno economico che, con cinque bandi complessivi, sfiora i tre milioni di euro. Sono stati, infatti, stanziati contributi in favore dei Comuni,con l’obiettivo di sostenere iniziative realizzate nel periodo invernale/natalizio; contributi rivolti alle micro, piccole e medie imprese,per l’erogazione di voucher I4.0; contributi in favore di Organizzazioni imprenditoriali e Associazioni dei consumatori e contributi per il progetto Formazione-Lavoro, oltre a quelli dedicati al Turismo. Un impegno – ha concluso il numero uno della Camera di Commercio del Basso Lazio – che avevamo preso nei mesi scorsi con le imprese e che è stato rispettato con uno straordinario stanziamento economico che contribuirà a favorire il rilancio dell’economia dei nostri territori”.

Luigi Niccolini

Sulla stessa linea il presidente di Informare, Luigi Niccolini: “Il bando per il sostegno alle imprese turistiche è un’azione che era in programma e che si è resa ancor più necessaria a causa del perdurare della crisi economica conseguente all’emergenza legata al diffondersi della pandemia Covid-19. L’Azienda Speciale intende assumere un ruolo attivo nella promozione del settore e di tutta la filiera ad esso connessa, coinvolgendo le imprese e promuovendo la destagionalizzazione dei flussi turistici. È necessario potenziare e rafforzare l’intero comparto – ha concluso Niccolini – perché il turismo possa essere davvero la chiave per la ripartenza dei nostri territori”.

Florindo Buffardi

Soddisfazione in merito all’importante stanziamento economico è stata espressa dal Consigliere delegato a Turismo e Formazione di Informare, Florindo Buffardi: “L’impegno dell’Azienda Speciale per sostenere la ripartenza e lo sviluppo delle imprese del settore turistico – ha commentato Buffardi – trova la sua conferma in questo nuovo bando. Una boccata d’ossigeno per gli imprenditori, in un difficile periodo storico segnato dalla pandemia, che servirà per promuovere l’afflusso turistico destagionalizzato, per la formazione, per l’ammodernamento e l’innovazione. Il nostro impegno è rivolto anche a sostenere lo sviluppo di un turismo enogastronomico ‘di prossimità’, legato cioè ai luoghi d’interesse storico e culturale dei territori che rappresentiamo, ed in questa direzione stiamo lavorando con nuove, importanti iniziative”.