Anche quest’anno, in occasione della giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, ha voluto ricordare il frusinate Pietro Tiravanti.

Il primo cittadino, infatti, ha deposto una corona d’alloro, insieme al direttore dell’Accademia di Belle Arti di Frosinone, Loredana Rea, presso il monumento a lui dedicato, posto all’ingresso della sede di uno degli istituti di formazione più prestigiosi a livello nazionale e internazionale, meta di studenti provenienti da tutto il mondo.

“Pietro Tiravanti – ha dichiarato il sindaco Ottaviani – ha dato lustro alla città di Frosinone, distinguendosi per coraggio e abnegazione, offrendo la propria vita per quel Paese che, solo qualche decennio dopo, avrebbe portato a termine un doloroso percorso per assicurare ai propri cittadini la pace, la democrazia e la libertà. Solo attraverso la tolleranza, la pace, la coesione, la democrazia, la libertà, è possibile raggiungere una vera forma di progresso, civile e sociale, affinché si valorizzi, sempre, il senso di Patria e dello Stato, alla base della nostra storia. Inoltre, se oggi la città di Frosinone può vantare una delle venti Accademie di Belle Arti più importanti d’Italia, grazie alla realizzazione della nuova sede, un pezzo importante del mosaico che ha portato alla realizzazione della struttura è stato inserito, sicuramente, dall’eroica figura di Pietro e dall’intera famiglia Tiravanti”.