Il convegno organizzato dalla Fondazione Premio Antonio Biondi, presieduta dall’On. Luigi Canali, con il Patrocinio del Comune di Anagni intitolato “Il diritto alla salute nella Provincia di Frosinone. Accessibilità dei servizi, dinamica della domanda e prestazioni erogate” ha evidenziato lo stato dell’offerta sanitaria provinciale, e messo a nudo le tante problematiche cui la sanità nel nostro territorio è soggetta.

Durante il convegno è stata presentata una ricerca commissionata all’EURES (Ricerche Economiche e Sociali) dalla quale si evince che nel corso dell’ultimo decennio le strutture ospedaliere in Provincia di Frosinone sono state dimezzate; un posto letto su sei è stato cancellato; per 62.000 abitanti del territorio ci vogliono oltre 30 minuti per raggiungere il più vicino pronto soccorso; in dieci anni sono stati persi 500 posti in organico tra amministrativi e tecnici; l’età media del personale sanitario supera i 53 anni; l’effetto del Covid sui ricoveri ospedalieri è stato disastroso causando un decremento del 25,2% per quelli ordinari e del 43,3% per i day hospital/day surgery; sono crollati del 37,3% gli accessi ai pronto soccorso della Provincia; i conti della ASL di Frosinone sono in rosso per 160 milioni di euro.

Questi sono solo alcuni dei dati emersi e sui quali i relatori del convegno, nomi importanti della sanità e della politica territoriale e nazionale, hanno sviluppato le loro riflessioni.

Gli interventi

Ad intervenire sono stati il Sindaco di Anagni Daniele Natalia, il Direttore di EURES Fabio Piacenti, il Presidente della Conferenza locale sociale e sanitaria nonché Sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani, il Direttore Generale USL Roma 3 Marta Branca, il Dirigente medico anestesista Massimo Natalia, i Dirigente medico chirurgo Giuseppe Mezzetti, il saggista Franco Brugnola, il Dirigente Generale della ricerca e dell’innovazione del Ministero della Salute Giuseppe Ippolito, il Direttore Sanitario ASL Frosinone Simona Carli, il Direttore Generale della prevenzione sanitaria del Ministero della Salute Giovanni Rezza e l’Amministratore della Fondazione Premio “Antonio Biondi” Luigi Canali.

Le parole del primo cittadino di Anagni avv. Daniele Natalia

Ogni intervento ha evidenziato le difficoltà incontrate, specialmente nell’area nord della Ciociaria, di garantire servizi adeguati, specialmente nel campo dell’emergenza/urgenza. In particolare il Sindaco della città dei papi Daniele Natalia ha evidenziato: «Occorre individuare un percorso comune ed innovativo per migliorare i servizi sanitari. Tante volte la sanità è oggetto di discussione ma di pochi fatti concreti. La via maestra è quella dell’approccio tecnico-scientifico al problema, è per questo che oggi abbiamo voluto partire dai dati raccolti da EURES. Credendo che sia necessario per forza fare un “passo avanti” nei servizi al territorio, chiedendo garanzie alla ASL di Frosinone e, nello specifico, al suo Direttore Generale Pierpaola D’Alessandro con la quale ho un ottimo rapporto di dialogo, sono fiducioso che nei prossimi mesi ci saranno novità importanti sulla questione sanità ad Anagni. All’interno del quadro tracciato dalla ricerca ho insistito nell’evidenziare a chi di dovere quelle che sono le carenze strutturali della sanità nel nostro territorio, ed è chiaro che sia necessario pensare ad un nuovo modello di offerta sanitaria dal quale non possiamo prescindere e nel quale ogni area del territorio debba e possa fare la sua parte con servizi dedicati che, messi a sistema, possano finalmente garantire il diritto alla salute di tutti i cittadini».