uno scorcio di Anagni

Nei giorni scorsi si è svolto il primo incontro di coordinamento del progetto “Giovani C-ReAttivi” cofinanziato dal Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale della Presidenza del Consiglio di Ministri e dal Comune di Anagni nel quadro del bando “Fermenti in Comune” pubblicato da ANCI. Il progetto risulta collocato alla decima posizione di una graduatoria di 18 progetti approvati, su 214 presentati da Comuni di media grandezza. Per consultare la graduatoria si può accedere a questo link. I fondi ottenuti dal Comune di Anagni sono 106.268,80 euro con 26.567,00 di cofinanziamento locale.

Il progetto, che durante 12 mesi 𝗰𝗼𝗶𝗻𝘃𝗼𝗹𝗴𝗲𝗿𝗮̀ 𝟮𝟬 𝗴𝗶𝗼𝘃𝗮𝗻𝗶 𝗱𝗶 𝗔𝗻𝗮𝗴𝗻𝗶 𝗲 𝟱 𝘃𝗼𝗹𝗼𝗻𝘁𝗮𝗿𝗶, ha come obiettivo quello di produrre 𝗶𝗹 𝗣𝗶𝗮𝗻𝗼 𝗱𝗶 𝗚𝗲𝘀𝘁𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗲 𝗜𝗻𝘁𝗲𝗿𝗽𝗿𝗲𝘁𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗘𝗰𝗼𝗺𝘂𝘀𝗲𝗮𝗹𝗲 𝗱𝗲𝗹 𝘁𝗲𝗿𝗿𝗶𝘁𝗼𝗿𝗶𝗼 attuando un 𝗽𝗲𝗿𝗰𝗼𝗿𝘀𝗼 𝗱𝗶 𝗮𝗽𝗽𝗿𝗲𝗻𝗱𝗶𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼 𝗲𝘀𝗽𝗲𝗿𝗶𝗲𝗻𝘇𝗶𝗮𝗹𝗲 𝗲 𝗶𝗻𝗻𝗼𝘃𝗮𝘁𝗶𝘃𝗼 in grado di coinvolgere 𝗶 𝗴𝗶𝗼𝘃𝗮𝗻𝗶 𝗻𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗿𝗲𝗮𝗹𝗶𝘇𝘇𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 di un progetto pilota di 𝗘𝗰𝗼𝗺𝘂𝘀𝗲𝗼. Il percorso di apprendimento sarà attuato da giovani per i giovani e realizzato mediante la loro partecipazione attiva in due laboratori di interpretazione (azioni sceniche) e innovazione (tecnologie digitali).

Nella riunione è stato concordato di procedere alla immediata realizzazione delle attività previste nel primo mese del progetto e, nello specifico: accordo di collaborazione con la Comunità Locale, mediante la preparazione di un avviso pubblico utile alla adesione delle organizzazioni del territorio alla Rete; costituzione del Comitato Tecnico Scientifico ed elaborazione del progetto ecomuseale mediante atto amministrativo della Responsabile del procedimento previo raccordo con tutti i partner del progetto; costruzione dell’Ecomuseum Market Place “Anagni, Città dei Papi”, mediante l’individuazione di un fornitore digitale in grado di integrare i servizi digitali del progetto con il sito web “Visit Anagni”.

Il Sindaco di Anagni Daniele Natalia e l’Assessore alle Politiche Giovanili Giuseppe De Luca dichiarano:  «Il progetto di ecomuseo che emerge dal progetto e che abbiamo in mente per Anagni è particolarmente innovativo. Con l’istituzione dell’ecomuseo metteremo a sistema le energie e le idee dei nostri giovani con il sostegno fondamentale di esperti del settore e degli enti di formazione. Ad Anagni i progetti di sviluppo turistico possono funzionare solo se scelgono di perseguire i modelli più innovativi di gestione ed offerta del servizio; il turista che viene a visitare Anagni deve fruire di una esperienza unica nel suo genere nel territorio. Grazie all’approvazione del progetto “Giovani C-ReAttivi”, che dimostra anche la linea di continuità nell’impegno per le Politiche Giovanili, il Comune di Anagni ed i suoi partner hanno le risorse necessarie per realizzare quello che non è solo un punto del programma ma un sogno».