una veduta di Sora

“Con l’istituzione, ormai prossima, del Monumento Naturale ‘Rocca Sorella – Castello di San Casto’, nel Comune di Sora, in provincia di Frosinone, non solo diamo una risposta concreta ad un’istanza del territorio ma aggiungiamo ulteriori 65 ettari alla superficie regionale complessiva di area naturale protetta, attualmente intorno al 14%, che dovremmo portare al 30% secondo gli obiettivi globali di sostenibilità dell’Agenda ONU 2030”.

Così Roberta Lombardi, assessora alla Transizione Ecologica e Trasformazione Digitale della Regione Lazio, a margine della presentazione del Monumento Naturale ‘Rocca Sorella – Castello di San Casto’, svoltasi oggi nella Sala Consiliare del Comune di Sora, in provincia di Frosinone.

“Dopo l’approvazione della delibera di Giunta regionale per l’istituzione del Monumento Naturale ‘Rocca Sorella – Castello di San Casto’, la Direzione Ambiente della Regione Lazio procede spedita con l’iter per raccogliere le osservazioni dei cittadini e degli enti locali coinvolti, ovvero Comune di Sora, Provincia di Frosinone e Comunità montana di Valle del Liri, e l’iniziativa di oggi è un’ottima occasione anche in tal senso. Poi il provvedimento passerà all’esame della Commissione Agricoltura e Ambiente in Consiglio regionale fino ad approdare poi alla  firma del Presidente Zingaretti. Un processo partecipato che porterà le Istituzioni a tutelare un’area che racchiude in sé biodiversità, beni paesaggistici e archeologici. Tutti requisiti che contribuiscono ad alimentare sul territorio, a beneficio delle economie e le comunità locali, quelle opportunità generate da un nuovo modello di turismo sostenibile che trae la propria forza proprio dalla salvaguardia del Capitale Naturale”, conclude Lombardi.