La scorsa notte, ad Arce, i militari della locale Stazione, nel corso di un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione di reati contro il patrimonio, hanno tratto in arresto in flagranza di reato per porto e detenzione illegale di arma comune da sparo un 31enne di Frosinone, già censito per reati specifici, contro il patrimonio ed in materia di stupefacenti.

Nello specifico la pattuglia, mentre si trovava in località Campostefano nell’esecuzione di un posto di controllo, ha notato un veicolo che alla loro vista rallentava improvvisamente la marcia cercando di eluderlo maldestramente. I militari, dopo aver immediatamente bloccato il veicolo, hanno proceduto al suo approfondito controllo anche in virtù dall’atteggiamento sospetto del conducente, rinvenendo, occultata sotto un cuscino poggiato sul sedile anteriore lato passeggero, una pistola a canna liscia calibro 28, catalogata come arma comune da sparo per uso caccia, sprovvista del munizionamento la quale, attesa la sua immediata disponibilità, potenzialmente utilizzata almeno per minacciare.

Da accertamenti eseguiti l’arma risulta provento di un furto consumato tempo fa ad Alatri, motivo per cui all’uomo veniva anche addebitato il reato di ricettazione. Le operazioni di perquisizione sono state estese anche all’abitazione dell’arrestato senza rinvenire il munizionamento dell’arma.