Nella scorsa notte, ad Isola Del Liri, il personale del locale Comando Stazione Carabinieri, nell’ambito di un predisposto servizio per il controllo del territorio finalizzato a contrastare la commissione dei reati predatori nonchè il consumo e lo spaccio di sostanze stupefacenti, ha tratto in arresto un 59enne di nazionalità albanese, residente in Isola Del Liri (e gravato da analoghe vicende penali), poichè colto nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”.

Nello specifico, i militari operanti, nel corso dell’attività preventiva  notavano nei pressi di un esercizio pubblico sito in quel centro,  il predetto mentre cedeva un involucro ad altra persona, poi risultata essere un 47enne  sempre del luogo.

Le due persone venivano quindi immediatamente fermate, controllate e sottoposte a perquisizone personale nel corso della quale: l’acquirente veniva trovato in possesso di un involucro, contenente gr. 0,60 di  “cocaina”  mentre l’arrestato veniva trovato in possesso della somma contante di Euro 230. In relazione a quanto rinvenuto, la perquisione veniva estesa presso l ’abitazione di residenza dell’arrestato, sita in Isola Del Liri, sortendo esito negativo, che presso un’altra abitazione condominiale sita in Frosinone (eseguita unitamente al personale del Nucleo Operativo del Comando Compagnia Carabinieri del capoluogo) ove lo stesso domicilia.

In quest’ultima abitazione i militari operanti rinvenivano  un’ingente somma in denaro di Euro 29.500 (ventinovemilacinquecento), suddivisa in banconote di vario taglio e ritenuta il profitto dell’attività illecita  nonchè materiale idoneo per il confezionamento in  dosi della sostanza stupefacente. Inoltre, nel corso di un’ispezione  alle parti  comuni del condominio, gli operanti,  giunti nel giardino ivi esistente, rinvenivano –apparentemente abbandonata- una busta in plastica contente  grammi 56  di sostanza stupefacente del tipo “cocaina” ed un bilancino di precisione.  Sia la sostanza la sostanza stupefacente  che le somme in denaro, rinvenute venivano nel medesimo contesto sottoposte a sequestro. Ad espletate formalità di rito, l’arrestato veniva tradotto presso l’abitazione di residenza poichè sottoposto, dalla competente A.G., al regime degli arresti domiciliari  mentre,  l’acquirente,  verrà segnalato alla Prefettura di Frosinone quale assuntore di sostanze stupefacenti.