Nell’ambito dei servizi straordinari di controllo del territorio gli agenti delle Volanti della Questura, unitamente al personale della Squadra Cinofila di Nettuno, hanno tratto in arresto un giovane resosi responsabile dei reati di rapina impropria aggravata e danneggiamento. I fatti si sono svolti nelle adiacenze della stazione ferroviaria e, come ricostruito dai poliziotti intervenuti, il giovane era entrato in un’attività commerciale, afferrando un pacco di biscotti e dandosi alla fuga. Subito è stato inseguito da uno degli addetti alla vendita che veniva aggredito con una violenza tale da strappargli i pantaloni con l’intenzione di rapinarlo del poco denaro che aveva con sè.

In suo soccorso accorreva il proprietario del negozio, un bangalese di 26 anni che ha avuto la peggio, in quanto per guadagnare la fuga il giovane improvvisamente estraeva un coltello e gli sferrava un fendente alla schiena. Nel frangente sopraggiungevano gli operatori della Polizia di Stato, che hanno richiesto l’intervento del 118 per l’uomo ferito e hanno bloccato il minorenne mentre tentava invano di allontanarsi.

Gli agenti hanno proceduto a perquisizione, rinvenendo il coltello a serramanico con lama appuntita, notando evidenti tracce di sangue. Accompagnato presso gli uffici della Questura per gli accertamenti di rito, il minorenne dava in escandescenza danneggiando gli arredi della camera di sicurezza dove era stato temporaneamente collocato. Terminati gli accertamenti di rito, il giovane è stato arrestato e su disposizione dell’autorità giudiziaria è stato condotto presso un centro per minorenni di Roma.