Le cantine Gatti-Ciprani, nel cuore del centro storico di Anagni, hanno ospitato questa mattina, domenica 11 luglio 2021, due importanti eventi culturali riguardanti il primo la presentazione della raccolta di poesie “Vivere giorno per giorno” del poeta anagnino Armando Petitti, l’altro l’inaugurazione della mostra del compianto e talentuoso pittore ciociaro Giacomo Lisia, a venti anni dalla sua dipartita.

Entrambi gli eventi sono stati realizzati in collaborazione con il Comune di Anagni, la Cassa Rurale ed Artigiana di Paliano BCC Credito Cooperativo e l’associazione Pro Loco di Anagni. Vi hanno preso parte, tra gli altri, il prof. Tommaso Cecilia, storico; il dott. Nello Di Giulio, consigliere comunale; Pietro Stavole, proprietario delle cantine.

La raccolta di poesie di Armando Pettiti

Il libro di Armando Petitti, pubblicato da Alcheringa Edizioni, casa editrice anagnina di proprietà della famiglia Giudici-Anielli, raccoglie le migliori poesie dell’appassionato poeta anagnino, tutte in lingua e vernacolo locale.

Lo stesso Armando – lo ricordiamo – nel 2019, in collaborazione con la prof.ssa Carla Marotta e con Vittorio Pompi, dopo un lungo e paziente lavoro di ricerca e grazie, ancora una volta, al contributo di BancAnagni, aveva dato vita alla edizione del “Vocabolario anagnino” e a “Proverbi e detti anagnini” racchiusi in un magnifico cofanetto.

Nel 2020, sull’onda del successo riscosso dalla pubblicazione, con gli stessi autori, Armando cura un’altra pubblicazione dal titolo di “Niciuno vecchio s’arecorda Pasqua”, antologia di racconti in dialetto anagnino con traduzione in lingua italiana a fianco.

come acquistare il libro

La mostra personale di Giacomo Lisia

In concomitanza con la presentazione della raccolta di poesie si è tenuta, alla presenza della famiglia, la inaugurazione della mostra personale del pittore ciociaro Giacomo Lisia, venuto a mancare nel 2001 all’età di soli 63 anni, maestro del cosiddetto “aerodinamismo pittorico”.

Artista apprezzatissimo, titolare di numerosi premi ricevuti durante la sua carriera, Lisia ha stupito ed emozionato quando era in vita e continua a farlo ancora adesso, a venti anni dalla sua prematura scomparsa.

La mostra resterà allestita e visitabile fino al prossimo 18 luglio; vale certamente la pena farci un salto.