Home Anagni Biodigestore Energia Anagni: la nota di Legambiente Anagni

Biodigestore Energia Anagni: la nota di Legambiente Anagni

"bene l'incontro pubblico, ma non giunge un po' troppo tardi?"

la zona industriale di Anagni

Di seguito, integrale e senza modifiche, la nota inviata a questa redazione dal circolo di Legambiente Anagni:

L’incontro di ieri mattina, giovedì 24 giugno 2021, è stato reso possibile per l’iniziativa di alcuni consiglieri di minoranza, ai quali va il nostro ringraziamento per aver offerto un’occasione di informazione alla cittadinanza su un tema che riteniamo fondamentale, e che seguiamo dal 2017, cioè dall’inizio dell’iter autorizzativo in Regione Lazio per la Valutazione di Impatto Ambientale (VIA).

Dalle relazioni dei consiglieri, abbiamo appreso che, quella di ieri, è stata la prima occasione nella quale il tema, l’installazione di un impianto di trattamento di rifiuti organici nel territorio di Anagni e in zona SIN, è stato dibattuto ufficialmente in una seduta del consiglio comunale.

Nonostante l’orario lavorativo, molti cittadini hanno partecipato di persona come singoli o come rappresentanti di associazioni o comitati, di Anagni e di comuni limitrofi, segno evidente del desiderio di essere informati su un argomento importante, in grado di determinare il futuro della città e del territorio.

Si è trattato di un consiglio comunale “aperto”, non deliberante: dopo le relazioni dei consiglieri di minoranza, è stato concesso ampio spazio alla società proponente l’impianto, consentendo, a seguire, cinque minuti di intervento a chiunque si fosse iscritto a parlare.

Oltre l’intervento del Sindaco Natalia non c’è stato nessun intervento da parte dei consiglieri di maggioranza, né di altri componenti della giunta.

Più che un consiglio comunale, è stata una assemblea pubblica, sostanzialmente improduttiva perché non c’è stata votazione dei consiglieri, che rappresentano in consiglio comunale le cittadine e i cittadini di Anagni.

Il corposo intervento della società non ha chiarito i dubbi e le perplessità sull’impianto che Legambiente ha formalizzato in sede di conferenza di servizi, nelle tre sedute svolte dal 2017 al 2021, chiedendo alla Regione Lazio il diniego della concessione di compatibilità ambientale.

Il procedimento tecnico amministrativo per la VIA si è concluso positivamente con Determinazione n. G07071 del 10 giugno 2021, in contraddizione con la vigente delibera di Consiglio Comunale di Anagni n. 8 del 30/03/2017 “Atto di indirizzo in materia ambientale. Moratoria per gli impianti di trattamento Rifiuti”.

La moratoria era stata votata all’unanimità dal consiglio comunale di allora, del quale faceva parte anche l’attuale Sindaco, e non risulta essere mai stata revocata.