Nella tarda serata di ieri, ad Alatri, i militari del Nucleo Radiomobile della locale Compagnia Carabinieri, nell’ambito di un predisposto servizio di controllo del territorio, hanno controllato un’autovettura con a bordo un 43enne della zona, già censito per reati contro il patrimonio ed in materia di stupefacenti.

L’uomo, sottoposto a perquisizione personale e veicolare, è stato trovato in possesso di un involucro contenente crack, sottoposto a sequestro.

Gli stessi militari, successivamente, mediante immediati accertamenti info – investigativi e comprendendo che in quella zona abitava un noto spacciatore, hanno deciso di recarsi presso l’abitazione di quest’ultimo per effettuare una perquisizione domiciliare.

Giunti nel domicilio dell’uomo, un 38enne del posto (già censito per reati contro il patrimonio, la persona ed in materia di stupefacenti), hanno dato luogo alla perquisizione, ove rinvenivano nella sua disponibilità 61 involucri di cellophane contenente altro crack, confezionato e dello stesso tipo di quello rinvenuto poco prima nel corso del controllo stradale, per un peso complessivo di oltre 45 grammi, oltre ad un bilancino di precisione, rinvenuto nel garage attinente all’abitazione ed in uso al 38enne e materiale vario utilizzato per il confezionamento dello stupefacente.

Particolarità da evidenziare è che alcune dosi della sostanza stupefacente rinvenuta erano occultate all’interno di custodie di chiavi automatiche per automobili ed in alcuni accendi sigari, sempre per autovetture. La droga, il materiale per il confezionamento e le custodie sono stati sottoposti a sequestro, il 43enne segnalato alla Prefettura di Frosinone quale assuntore di stupefacenti, mentre il 38enne veniva tratto in arresto in flagranza di reato perché responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e, dopo le formalità di rito, posto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.