Il Sottosegretario di Stato alla Difesa l’Onorevole Giorgio Mulè, ha ricevuto presso il suo ufficio al palazzo Esercito a Roma, il Rettore Presidente dell’Accademia Bonifaciana Grand’Ufficiale Sante De Angelis, accompagnato per l’occasione dal responsabile dell’ufficio di cancelleria e del comitato organizzativo del premio Bonifacio VIII Mario Di Stefano.

Motivo della visita di cortesia gli auguri di un proficuo lavoro per la delicata nomina a Sottosegretario di Stato che il Presidente del Consiglio dei Ministri prof. Draghi, gli ha affidato e la consegna della lettera di conferimento del Premio Internazionale Bonifacio VIII.

Tra le altre cose ricordiamo che è nato a Caltanissetta il 25 aprile 1968, giornalista professionista dal 1991, laureato in Scienze della Comunicazione con lode. Dal marzo 2018 è membro della Camera dei deputati della Repubblica italiana (eletto nel collegio uninominale Liguria 01 – Sanremo) dove ha ricoperto il ruolo di membro della Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni, di capogruppo in Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi, di portavoce unico dei gruppi parlamentari di Forza Italia di Camera e Senato. È promotore e relatore della proposta di legge A. C. 1188 (A. S. 1441) recante “Disposizioni in materia di utilizzo dei defibrillatori semiautomatici e automatici in ambiente extraospedaliero”, approvata all’unanimità alla Camera dei deputati il 30 luglio 2019 per tutelare la salute dei cittadini italiani. Promotore e primo firmatario della proposta di legge A. C. 2451 (A. S. 1894) che prevede l’istituzione della “Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia di Coronavirus” approvata all’unanimità alla Camera dei deputati il 23 luglio 2020 per rendere viva la memoria di tutti coloro che hanno perso la vita a causa dell’emergenza sanitaria. Fino alla nomina a sottosegretario ha guidato i Dipartimenti di Forza Italia ed è membro del Coordinamento di Presidenza di Forza Italia. Nella carriera giornalistica ha ricoperto tra l’altro i seguenti ruoli: direttore di Panorama (settembre 2009/gennaio 2018); direttore di Studio Aperto – Mediaset (ottobre 2007/agosto 2009); direttore di Videonews – Mediaset (giugno 2006/settembre 2007); direttore di Economy – Mondadori (novembre 2004/maggio 2006); ha lavorato presso Panorama (aprile 1998/novembre 2004); capo redattore presso Il Giornale (ottobre 1992/marzo 1998); cronista presso Il Giornale di Sicilia (aprile 1989/settembre 1992); redattore presso Il Progresso Italoamericano – New York (ottobre 1987/marzo 1989). Gli sono stati assegnati numerosi riconoscimenti nel corso della carriera: da quello per l’impegno antimafia con il premio “Ninni Cassarà” nel 2011 a quello per la capacità di innovazione con il premio “Biagio Agnes” nel 2017. È stato professore straordinario di teoria e tecniche dell’informazione.

“La visita al Sottosegretario di Stato, è stata sicuramente un motivo di grande attenzione e di sensibilità – ci ha dichiarato il Presidente De Angelis – che l’Onorevole Mulè, ha avuto ed ha verso la nostra Accademia, che ha dimostrato di conoscere bene e di stimare molto. Per questo lo ringrazio molto dell’onore che mi ha concesso non solo ricevendomi, ma anche per aver accettato il nostro massimo conferimento accademico”. Il Sottosegretario, infatti, nonostante gli impegni istituzionali, si è intrattenuto diverso tempo con De Angelis e il suo accompagnatore Di Stefano, acquisendo, tra l’altro, notizie sulla XIX edizione del Premio Bonifacio VIII e sulle iniziative varate fino ad ora dall’Accademia Bonifaciana con il mondo militare, in particolare quelle fatte in collaborazione con il Coi Difesa e Cimic per le missioni di Pace in Libano (Onu) e Kosovo (Nato). “La ringrazio caro Presidente della sua visita – ha dichiarato il Rappresentante del Governo Onorevole Giorgio Mulè – e per aver pensato, insieme al Comitato Scientifico e alla Giuria a me, tra le personalità da insignire quest’anno. Accetto ben volentieri il riconoscimento che proviene da una stimata ed ammirata Istituzione come la vostra che vara iniziative di alto spessore culturale, sociale e collabora da sempre e fattivamente con le Forze Armate”. A ricordo della visita, il Rettore Presidente De Angelis, ha consegnato al Sottosegretario un quadro del Reggimento sorano “Cordenons” e alcuni amari dei monaci cistercensi di Casamari, mentre l’Onorevole Mulè il suo crest ufficiale.