l'ospedale di Anagni

“Anzichè parlare di stampelle e protesi varie la sezione PD di Anagni pensi a rispondere alle questioni politiche, agli interrogati posti e ad essere corretti senza distorcere la realtà come di consueto”; è quanto scritto in una nota inviata a questa redazione dai responsabili del gruppo Idea Anagni.

Veniamo ai fatti: “il consigliere Necci – è scritto nella nota – non faceva parte della maggioranza capitanata dal PD locale, essendo stato fin dall’inizio un indipendente, che si era candidato con una lista civica di coalizione del candidato sindaco Bassetta, che non ci risulta, salvo smentite, tesserato PD.

La sezione del PD locale vorrebbe far credere che lo stratagemma della riconversione in Ospedale Distrettuale non sarebbe del 2010 a merito del centro destra. Invece fu proprio così: ci fregiamo di allegare un estratto del decreto del 30/09/2010, che dimostra che la verità la dice IDEA ANAGNI, con i documenti ufficiali e non con chiacchiere da circolo e bugie. Il PD, andato al governo, non solo non approfittò dell’occasione, anzi smantellò completamente l’Ospedale di Anagni, vedi la chiusura del laboratorio e del punto di primo intervento, come tutti sanno.

Sul ricorso fatto dai cittadini (non purtroppo dall’allora sindaco della consiliatura 2009-2014) sorvoleremmo visto che il TAR lo ha respinto con sentenza n.1426-14 proprio perché la causa era proposta dal privato cittadino. Nonostante ciò si è perseverato con il Consiglio di Stato, pur sapendo fosse inconcludente e facendo una inutilizzabile petizione popolare. Il buon Collodi questa volta ha preso le sembianze del Gastone di Petrolini “personaggio senza orrore di sé stesso”.

Sul ventilato tradimento del mandato elettorale, ricordiamo al PD che a tradire i cittadini è stato qualcun altro della coalizione “Anagni Terra Nostra”, noi stiamo collaborando con l’amministrazione, che ringraziamo, portando avanti i progetti che avevamo promesso ai nostri elettori nella tornata elettorale del 2018; stare in minoranza non significa votare contro per partito preso, e alle prossime elezioni si vedrà chi ha lavorato bene e chi no.

Auspichiamo inoltre una ben più ampia collaborazione con l’amministrazione Natalia con l’obiettivo della realizzazione di progetti per il bene della collettività .

Non siamo la stampella di nessuno dato che in consiglio la maggioranza è compatta e non ha bisogno di sostegno esterno, vedi i voti nell’approvazione delle delibere consiliari. E’ forse invece il PD locale che ha bisogno non di una ma di più stampelle visto il risultato elettorale del 2018 dove è uscito con “le ossa rotte “. Il “cattivone “ Cardinali è diventato il buon politico corretto, peccato che chi lo afferma non ci sembra troppo coerente visto che sulla stessa persona si esprime un giudizio negativo se mi è contro positivo se siede dalla mia parte.

Il gruppo Idea Anagni vuole affermare il principio che chi governa la Regione ha facoltà politica e giuridica di riattivare i servizi sanitari ospedalieri per la città di Anagni e gli abitanti di tutta l’area nord della provincia di Frosinone senza se e senza ma”.