Sabato 8 maggio prossimo, nella sede dell’Avis di Trivigliano, si svolgerà una giornata dedicata alla prevenzione tiroidea.

I costi dell’iniziativa saranno sostenuti completamente dall’Associazione cittadina che, forte degli oltre 220 donatori associati provenienti anche da paesi limitrofi, intende dare cosi il via ad un programma fatto di tante giornate simili in cui ci si potrà sottoporre ad esami diagnostici mirati alla prevenzione delle più comuni patologie.

Vittorio Coladarci, presidente dell’Avis triviglianese, spiega come “è da giugno dell’anno scorso, dopo cinque anni di lungaggini burocratiche, l’Avis di Trivigliano, attiva sul territorio da più di quindici anni, ha ricevuto l’autorizzazione a svolgere la sua attività di raccolta presso l’edificio dell’ex asilo comunale avuto in comodato d’uso gratuito dall’Amministrazione comunale”.

Da elogiare l’impegno dei volontari che, stante l’autorizzazione regionale vincolata a precise caratteristiche dei locali, si sono impegnati a proprie spese ad adeguare la logistica ambulatoriale secondo le norme prescritte.

“L’attuale sistema sanitario – spiega Vittorio Coladarci – prevede che ci sia un rimborso a favore delle associazioni che si prodigano per la raccolta del sangue. Ed è per questo motivo si è deciso che, tolto il necessario per le spese di gestione, quanto ricevuto come rimborso dalla Regione Lazio, venisse utilizzato a favore dei donatori di Trivigliano”.