Doveva essere una giornata tranquilla per i tre uomini, quando, dopo una lite per motivi di viabilità, la situazione degenerava. Lo sventurato conducente della Honda dopo essere stato costretto ad effettuare una repentina frenata, per evitare l’urto, a causa di una manovra azzardata del conducente di un furgone che sopraggiungeva sulla corsia di sinistra, suonava il clacson per segnalare la propria presenza. A quel punto l’uomo alla guida del furgone, senza dire nulla, puntava un’arma verso l’altra auto spaventando a morte i tre occupanti del veicolo che tentavano di fuggire alla minaccia cambiando corsia più volte.

L’uomo, però, non soddisfatto continuava ad affiancare l’Honda Jazz e una volta abbassato il finestrino esplodeva un colpo in direzione dell’auto, che dopo aver attraversato l’abitacolo e sfiorato il conducente al volto, infrangeva il finestrino del lato passeggero.

I tre uomini nonostante lo spavento cercavano di inseguire il furgone, che nel frattempo si era allontanato ad alta velocità, per prenderne la targa, riuscendo nell’intento e avvisando tempestivamente le forze dell’ordine.

Gli immediati accertamenti degli agenti della Polizia Stradale di Roma Nord, giunti sul posto, permettevano di identificare il furgone ed il suo conducente, trovato ancora in possesso dell’arma, una pistola ad aria compressa da softair. Rintracciato presso la propria abitazione l’uomo è stato arrestato su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.