Puliscono e sanificano ospedali, scuole, uffici pubblici e tanti di loro sono assunti nel settore dei beni culturali, sono l’esercito di lavoratrici e lavoratori che ogni giorno garantiscono servizi utili a tutti i cittadini. E, da otto, anni, aspettano il rinnovo del contratto nazionale.

Sono i lavoratori e le lavoratrici impiegati negli appalti delle pulizie, dei servizi integrati, dei multiservizi.

Domani 13 aprile, a Roma e nel Lazio si terranno nove assemblee pubbliche dalle quali le lavoratrici e i lavoratori interverranno, in una diretta che sarà trasmessa sui social delle tre organizzazioni sindacali FilCams Cisl, Fisascat e UilTrasporti, per chiedere con forza alle associazioni datoriali che il contratto nazionale va rinnovato, “perchè – si legge in una nota – a distanza di quasi otto anni dall’ultimo rinnovo, le associazioni datoriali Anip Confindustria, Confcooperative Lavoro e Servizi, Lagacoop Produzione e Servizi, Unionservizi Confapi, Agci Servizi continuano a giocare al “braccio di ferro”, rifiutando di percorrere qualsiasi strada che possa portare alla sottoscrizione del contratto nazionale, che porterebbe dignità, aumento di salario e tutele agli oltre 600.000 lavoratori coinvolti”.

La diretta Facebook avrà inizio alle ore 10:00 e terminerà alle ore 12:00.