La provincia di Frosinone passa in zona rossa: la decisione si è resa necessaria a scopo precauzionale e alla luce di una crescita repentina di casi negli ultimi giorni.

ECCO L’ORDINANZA COMPLETA IN FORMATO .PDF

Sospesa l’attività didattica nelle scuole di ogni ordine e grado ed è disposta la didattica a distanza per gli studenti che vivono nell’area, ma frequentano le lezioni in altri comuni non inseriti in zona rossa.

il post su Facebook del presidente della Provincia di Frosinone avv. Antonio Pompeo

Previsto anche il potenziamento del tracciamento attraverso i tamponi e la messa in priorità per la vaccinazione degli anziani over80 domiciliati in zona rossa.

Un annuncio non inaspettato visto l’importante aumento di positivi e i comportamenti non proprio da manuale dei cittadini.

Ecco le regole da osservare, qui riportate dal sindaco di Anagni Daniele Natalia:

• Scuole: In zona rossa sono sospese tutte le attività didattiche, che si svolgono esclusivamente con modalità a distanza. Resta la possibilità di effettuare alcune attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per alunne e alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

• Spostamenti: In zona rossa è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita e all’interno degli stessi Comuni, salvo per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o di salute. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Il transito sui territori in zona rossa è consentito per raggiungere aree non soggette a restrizioni negli spostamenti o nei casi consentiti da necessità.

• Attività fisica: In zona rossa è consentita in forma individuale, solo nei pressi della propria abitazione e nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie.

• Cultura: In zona rossa è sospeso l’accesso a mostre, musei e altri istituti o luoghi di cultura ad eccezione delle biblioteche, i cui servizi sono offerti su prenotazione. Sono sospesi tutti gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, club e in altri locali o spazi anche all’aperto.

• Negozi e attività commerciali: In zona rossa sono chiuse tutte le attività commerciali, anche barbieri e parruchieri, eccetto i negozi di generi alimentari e di prima necessità. L’accesso è limitato a un solo componente per famiglia. Aperti anche i mercati solo per la vendita di generi alimentari, prodotti agricoli e vivaistici. Restano aperte edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie.

• Bar e ristoranti: In zona rossa sono sospesi i servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering. Resta consentita, senza limiti di orario, la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri ospiti. È sempre consentita la ristorazione e la vendita di bevande con consegna a domicilio e l’asporto fino alle ore 22, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

Le parole del sindaco di Anagni

Sarà un periodo difficile, nel quale il nostro stile di vita tornerà ad essere messo a dura prova, proprio come lo scorso anno, ma non per questo molleremo. In “zona rossa” abbiamo dimostrato di saperci stare e di tirare fuori le migliori energie della nostra comunità, forza Anagni, insieme ce la faremo!”

ATTIVITÀ COMMERCIALI IN ZONA ROSSA: INFORMAZIONI UTILI DA CONDIVIDERE

Per chiarezza d’informazione – a cura dell’ufficio Comunicazione del Comune di Anagni – condividiamo gli articoli dell’ultimo DPCM, recepito dell’Ordinanza Regionale che istituisce a partire dalle 00:01 di lunedì 8 marzo la zona rossa in Provincia di Frosinone, relativi alle attività commerciali e, contestualmente, gli allegati del DPCM stesso.Art. 45(Attività commerciali)1. Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’allegato 23, sia negli esercizi di vicinato sia nelle medie e grandi strutture di vendita, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività e ferme restando le chiusure nei giorni festivi e prefestivi di cui all’articolo 26, comma 2. 2. Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici. 3. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie.Art. 46(Attività dei servizi di ristorazione)1. Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale a condizione che vengano rispettati i protocolli o le linee guida diretti a prevenire o contenere il contagio. Resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati.2. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 22:00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dal codice ATECO 56.3 l’asporto è consentito esclusivamente fino alle ore 18:00. 3. Restano comunque aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, gli itinerari europei E45 e E55, negli ospedali, negli aeroporti, nei porti e negli interporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro.Art. 47(Attività inerenti servizi alla persona)1. Sono sospese le attività inerenti servizi alla persona, diverse da quelle individuate nell’allegato 24.Allegato 23(Commercio al dettaglio)• Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati con prevalenza di prodotti alimentari e bevande (ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimenti vari) • Commercio al dettaglio di prodotti surgelati • Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici • Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2), ivi inclusi gli esercizi specializzati nella vendita di sigarette elettroniche e liquidi da inalazione • Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati • Commercio al dettaglio di apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4) • Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiali da costruzione (incluse ceramiche e piastrelle) in esercizi specializzati • Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari • Commercio al dettaglio di macchine, attrezzature e prodotti per l’agricoltura e per il giardinaggio • Commercio al dettaglio di articoli per l’illuminazione e sistemi di sicurezza in esercizi specializzati • Commercio al dettaglio di libri in esercizi specializzati • Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici • Commercio al dettaglio di articoli di cartoleria e forniture per ufficio • Commercio al dettaglio di confezioni e calzature per bambini e neonati • Commercio al dettaglio di biancheria personale • Commercio al dettaglio di articoli sportivi, biciclette e articoli per il tempo libero in esercizi specializzati • Commercio di autoveicoli, motocicli e relative parti ed accessori • Commercio al dettaglio di giochi e giocattoli in esercizi specializzati • Commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati (farmacie e altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica) • Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati • Commercio al dettaglio di cosmetici, di articoli di profumeria e di erboristeria in esercizi specializzati• Commercio al dettaglio di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti • Commercio al dettaglio di animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati • Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia • Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento • Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini • Commercio al dettaglio di articoli funerari e cimiteriali• Commercio al dettaglio ambulante di: prodotti alimentari e bevande; ortofrutticoli; ittici; carne; fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti; profumi e cosmetici; saponi, detersivi ed altri detergenti; biancheria; confezioni e calzature per bambini e neonati• Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet, per televisione, per corrispondenza, radio, telefono • Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici Allegato 24(Servizi per la persona)• Lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia • Attività delle lavanderie industriali • Altre lavanderie, tintorie • Servizi di pompe funebri e attività connesse.A questo link è possibile scaricare e leggere sia il DPCM completo che gli allegati: https://www.governo.it/…/covid-19-il-presidente…/16343A questo link è possibile scaricare l’Ordinanza Regionale che istituisce la “zona rossa” in Provincia di Frosinone: http://www.regione.lazio.it/bur/?vw=ultimibur#

cazione del Comune di Anagni – condividiamo gli articoli dell’ultimo DPCM, recepito dell’Ordinanza Regionale che istituisce a partire dalle 00:01 di lunedì 8 marzo la zona rossa in Provincia di Frosinone, relativi alle attività commerciali e, contestualmente, gli allegati del DPCM stesso.Art. 45(Attività commerciali)1. Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’allegato 23, sia negli esercizi di vicinato sia nelle medie e grandi strutture di vendita, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività e ferme restando le chiusure nei giorni festivi e prefestivi di cui all’articolo 26, comma 2. 2. Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici. 3. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie.Art. 46(Attività dei servizi di ristorazione)1. Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale a condizione che vengano rispettati i protocolli o le linee guida diretti a prevenire o contenere il contagio. Resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati.2. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 22:00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dal codice ATECO 56.3 l’asporto è consentito esclusivamente fino alle ore 18:00. 3. Restano comunque aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, gli itinerari europei E45 e E55, negli ospedali, negli aeroporti, nei porti e negli interporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro.Art. 47(Attività inerenti servizi alla persona)1. Sono sospese le attività inerenti servizi alla persona, diverse da quelle individuate nell’allegato 24.Allegato 23(Commercio al dettaglio)• Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati con prevalenza di prodotti alimentari e bevande (ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimenti vari) • Commercio al dettaglio di prodotti surgelati • Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici • Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2), ivi inclusi gli esercizi specializzati nella vendita di sigarette elettroniche e liquidi da inalazione • Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati • Commercio al dettaglio di apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4) • Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiali da costruzione (incluse ceramiche e piastrelle) in esercizi specializzati • Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari • Commercio al dettaglio di macchine, attrezzature e prodotti per l’agricoltura e per il giardinaggio • Commercio al dettaglio di articoli per l’illuminazione e sistemi di sicurezza in esercizi specializzati • Commercio al dettaglio di libri in esercizi specializzati • Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici • Commercio al dettaglio di articoli di cartoleria e forniture per ufficio • Commercio al dettaglio di confezioni e calzature per bambini e neonati • Commercio al dettaglio di biancheria personale • Commercio al dettaglio di articoli sportivi, biciclette e articoli per il tempo libero in esercizi specializzati • Commercio di autoveicoli, motocicli e relative parti ed accessori • Commercio al dettaglio di giochi e giocattoli in esercizi specializzati • Commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati (farmacie e altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica) • Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati • Commercio al dettaglio di cosmetici, di articoli di profumeria e di erboristeria in esercizi specializzati• Commercio al dettaglio di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti • Commercio al dettaglio di animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati • Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia • Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento • Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini • Commercio al dettaglio di articoli funerari e cimiteriali• Commercio al dettaglio ambulante di: prodotti alimentari e bevande; ortofrutticoli; ittici; carne; fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti; profumi e cosmetici; saponi, detersivi ed altri detergenti; biancheria; confezioni e calzature per bambini e neonati• Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet, per televisione, per corrispondenza, radio, telefono • Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici Allegato 24(Servizi per la persona)• Lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia • Attività delle lavanderie industriali • Altre lavanderie, tintorie • Servizi di pompe funebri e attività connesse.A questo link è possibile scaricare e leggere sia il DPCM completo che gli allegati: https://www.governo.it/…/covid-19-il-presidente…/16343A questo link è possibile scaricare l’Ordinanza Regionale che istituisce la “zona rossa” in Provincia di Frosinone: http://www.regione.lazio.it/bur/?vw=ultimibur#

FROSINONE, BUSCHINI: GRAZIE A MEDICI VOLONTARI PER SUPPORTO A VACCINAZIONI ANTICOVID 

Mauro Buschini, presidente del consiglio regionale del Lazio

“Voglio ringraziare i cinque medici volontari che, a titolo completamente gratuito, saranno da oggi a supporto della squadra vaccinale nella Asl di Frosinone. Un gesto di grande sensibilità e, soprattutto, il contributo di ulteriori professionalità ad un team importante, che ha già dimostrato straordinaria capacità organizzativa sotto la preziosa guida della direttrice generale, Pierpaola D’Alessandro”.

Così in una nota il Presidente del consiglio regionale del Lazio, Mauro Buschini a proposito dell’adesione volontaria di alcuni medici a Frosinone per le vaccinanzioni.

“Siamo in una fase estremamente delicata – spiega Buschini -. Nella nostra provincia in particolare, il trend dei contagi è preoccupante. 

Occorre tenere alta l’attenzione, nel rispetto delle regole, per non vanificare gli importanti risultati della Regione Lazio sul piano vaccinale. Un piano che ci vede pronti a triplicare le somministrazioni in attesa di avere maggiori dosi a disposizione. I comportamenti singoli, in questi giorni, faranno la differenza”.

Altre notizie in flash: TERMINANO LE ULTERIORI RESTRIZIONI PER I COMUNI DI COLLEFERRO, CARPINETO (FR) E ROCCAGORGA (LT);

***ATTIVA DALLA MEZZANOTTE LA PRENOTAZIONE ONLINE PER UNDER 65 ANNI (A PARTIRE DA 65 E 64 ANNI), PROSEGUONO LE PRENOTAZIONI PER GLI OVER 70 ANNI SONO GIA’ 50 MILA, TUTTO SI STA SVOLGENDO REGOLARMENTE;

***PER I CAREGIVER DEI SOGGETTI IN ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOTTOPOSTI A VENTILAZIONE MECCANICA ASSISTITA POSSONO PRENOTARE LA VACCINAZIONE CHIAMANDO IL NUMERO 06/164161841;

***VACCINI DA MEDICI DI MEDICINA GENERALE: VACCINAZIONI IN COSTANTE CRESCITA, RAGGIUNTE LE 20 MILA SOMMINISTRAZIONI E SONO 1.188 I MEDICI GIA’ ATTIVI NELLA CAMPAGNA E CHE HANNO RITIRATO ALMENO UNA FIALA DEI VACCINI PRESSO LE FARMACIE DELLE ASL;

***VACCINI ANTI COVID: VIAGGIAMO AD UNA MEDIA DI 18 MILA SOMMINISTRAZIONI AL GIORNO. ENTRO STASERA SUPERATA LA QUOTA DELLE 522  MILA VACCINAZIONI SOMMINISTRATE TOTALI NEL LAZIO. SU SALUTELAZIO.IT IL CONTATORE GIORNALIERO DELLE VACCINAZIONI;

***VACCINAZIONI OVER 80: OGGI SUPERATA LA QUOTA DELLE  160 MILA VACCINAZIONI OVER 80 CHE RAPPRESENTANO LA META’ DELLE PERONE PRENOTATE OVER 80.  SIAMO LA REGIONE CHE HA VACCINATO PIU’ ANZIANI;