il quartiere di San Bartolomeo di Anagni

Si è svolto il 19 febbraio, in modalità  telematica, l’incontro promosso e richiesto dall’Otuc di Frosinone, presieduto dall’Avv. Angelo Terrinoni, avente ad oggetto la fornitura del servizio idrico nella contrada di San Bartolomeo ad Anagni.

Dopo aver scongiurato l’interruzione del servizio da parte de gestore di Acea Ato5 spa, ad un anno dall’inizio delle procedure di regolarizzazione contrattuale delle centinaia di famiglie residenti nella popolosa contrada era necessario fare il punto della situazione.

Oltre all’Otuc, rappresentato dal Presidente Terrinoni e dai membri del direttivo Laura Ardia  (Federconsumatori) e Isabella Marziale (AssoConFam), erano presenti: Valentina Cicconi, assessore del Comune di Anagni con delega ai Rapporti con il gestore idrico, il nuovo direttore della STO Vincenzo Benincasa ed una delegazione di Acea Ato5 composta dall’ad Cocozza oltre che dai responsabili del commerciale Falconi e dell’area legale De Luca.

Da quanto emerso, ad oggi gran parte degli utenti hanno regolarizzato la propria posizione contrattuale, senza dover pagare somme pregresse, e sono da tempo muniti di un misuratore allacciato e regolarmente funzionante.

Si è evidenziato, tuttavia, il ritardo nel completamento delle operazioni per alcune decine di utenze, dovuto alle difficoltà tecniche nel predisporre gli allacci e l’installazione dei misuratori.

L’Otuc e l’Amministrazione Comunale, in particolare, hanno sottoposto al Gestore ed alla Sto le decine di segnalazioni pervenute da altrettanti cittadini che, pur avendo presentato regolare domanda di allaccio, non hanno ancora sottoscritto alcun contratto di fornitura e si sono visti recapitare nelle scorse settimane bollette di importo rilevante.

Vista la delicatezza di quest’ultimo punto, soprattutto per gli aspetti tecnico-giuridici ed alla luce degli avvicendamenti che nell’ultimo anno hanno coinvolto le figure apicali non solo di Acea Ato5 spa ma anche della stessa Segreteria Tecnico Operativa, quest’ultima ha ritenuto opportuno rinviare ogni valutazione ad una prossima riunione, che si terrà a stretto giro.

L’assessore Cicconi ha inoltre perorato la causa degli abitanti della contrada San Bartolomeo, evidenziando in particolare le problematiche relative alla questione dei mancati allacci ed all’arrivo di bollette esorbitanti. Per conto dell’Amministrazione Comunale di Anagni l’assessore Cicconi ha auspicato una risoluzione delle questioni sul tavolo in breve tempo.

In modo da poter fornire a tutti gli utenti informazioni univoche, dopo aver acquisito specifiche relazioni da parte dei partecipanti al tavolo tecnico e ricostruito la vicenda anche ascoltando i precedenti responsabili.

nota stampa a cura dell’ufficio Comunicazione del Comune di Anagni