Strade comunali in condizioni pietose e cittadini esasperati; è quanto sostiene, in una nota, la minoranza consiliare al Comune di Anagni – ad esclusione dei consiglieri Antonio Necci e Guglielmo Vecchi – che si fa carico delle numerose segnalazioni arrivate in queste settimane, “tutte riportate anche a chi governa questa città da ormai tre anni ma i risultati sono sotto gli occhi di tutti”.

“Va detto a chiare lettere: i tempi in cui venivano sbandierati i famosi 300mila euro per la manutenzione stradale sono un triste ricordo e ci chiediamo che fine abbiano fatto quei soldi”, è scritto nella nota inviata a questa redazione.

E, ancora: “non esiste nessun piano per la manutenzione e rifacimento delle strade e a farne le spese sono i cittadini che vedono soldi delle loro tasse sperperati in costosissime luminarie, collaborazioni dorate o calendari in quantitativi industriali. Ricordiamo ancora le foto e i comunicati fatti in pompa magna dal Sindaco nei quali si esaltava il rifacimento di 200 metri di strada lungo la circonvallazione sud e poi il niente. Eppure qualche suo consigliere, quando era nella maggioranza del sindaco Bassetta, era molto attento alle strade e alle buche nel territorio di Anagni. Oggi, evidentemente, il motto dell’intera coalizione è stare tutti e sempre a testa alta!”.

Conclude, infine, la nota: “Natalia dice da due anni che la sua giunta ha finito il rodaggio e che è il tempo di vedere i risultati della sua opera amministrativa. In realtà sembra che tutto gli sia sfuggito di mano o, ancor peggio, impegnato a coprire inefficienze o rimpasti per la sua giunta, sembra che città l’abbia proprio dimenticata. Anagni merita di essere amministrata da una squadra di persone capaci, concrete e competenti di cui in questi anni non si è ancora vista traccia”.