la pista ciclabile di Piglio (foto di Lucia Palone)

C’erano una volta le fontane pubbliche… un servizio pubblico di cui i pigliesi da qualche tempo non possono più usufruire.

Le fontanelle, quelle che sono riuscite a sopravvivere alle guerre e ai vandali si contano sulla punta delle dita: tanto per citarne alcune sono quella dell’Arco della Fontana, di Piazza Guglielmo Marconi, di Via Castello, di Via Piagge e di Via Arringo.

Con il passare degli anni le fontanelle sono state private, per atti vandalici, dei rubinetti e dei lavabi come quella ubicata a Piazza Primo Maggio, mentre le fontane ubicate a Santa Lucia, a Piazza Castello, e quelle innanzi alle chiese di San Nicola e di Sant’Antonio Abate sono state abolite definitivamente.

Quando le case erano prive di acqua, le fontanelle fornivano questo bene di prima necessità, erano al centro dell’attenzione, circondate dalle donne che vi attingevano acqua e servivano a dissetare chiunque ne avesse bisogno in ogni ora del giorno e della notte.

Questo aspetto della vita passata è già un ricordo, ma sarebbe bello se da qualche fontanella tornasse a sgorgare acqua limpida per la gioia degli anziani e bambini.

articolo a cura di Giorgio Alessandro Pacetti