Si è tenuto questo pomeriggio, in videoconferenza, l’incontro tra la Provincia di Frosinone, rappresentata dalla consigliera provinciale delegata alla Pubblica Istruzione, Alessandra Sardellitti, e dal direttore generale, Michela Micheli e Sua Eccellenza il Prefetto, dottor Ignazio Portelli, al quale hanno partecipato anche i sindacati e l’Ufficio scolastico provinciale, nelle persone dei dottori Monteforte e Mottolese.

Oggetto della riunione l’analisi delle criticità emerse nel corso degli altri incontri che l’Amministrazione provinciale ha tenuto prima con tutti i dirigenti scolastici degli istituti superiori del territorio e, in seconda battuta, con una rappresentanza degli studenti.

Raccogliendo i contributi di tutte le parti interessate, l’Ente di piazza Gramsci ha stilato un elenco delle principali difficoltà segnalate, a cominciare dalla mancanza di alcune corse a copertura del secondo orario di entrata (ore 10), proseguendo con il mancato allineamento tra servizi extraurbani e servizi urbani di trasporto; l’affollamento del turno delle 8 (stante l’assenza della seconda corsa); i ritardi nelle ripartenze dei mezzi per i ragazzi che escono alle 15. A ciò si aggiungono le problematiche relative all’inconciliabilità con lo studio pomeridiano e il rischio di abbandono scolastico accentuato per i soggetti più fragili o con maggiore disagio.

Tutti gli istituti scolastici – ha evidenziato la consigliera Sardellitti – si sono trovati concordi nel ripristino di un solo orario di entrata alle ore 8,00/8,30 (così come sperimentato nel periodo settembre – dicembre 2020); nel mantenimento della didattica in presenza al 50% e della didattica a distanza del 50% e nell’orario scolastico distribuito prevalentemente su 5 giorni, ad esclusione di Cassino. La proposta che, come Amministrazione provinciale abbiamo avanzato, è quella di interloquire con la Regione Lazio, l’Ufficio scolastico regionale, l’azienda Cotral e le ditte private incaricate dei trasporti, al fine di modificare il Piano trasporti nella provincia di Frosinone, con l’appoggio di tutte le forze interessate e della Prefettura a capo del tavolo tecnico”.

“Ringrazio pertanto Sua Eccellenza il Prefetto per il contributo straordinario alla redazione del piano operativo per la ripresa dell’attività didattica in presenza e il monitoraggio costante. La Provincia – ha concluso la consigliera Sardellitti – continua a svolgere il suo ruolo di collegamento tra istituzioni ed enti in un settore tanto importante quanto delicato come quello scolastico con l’obiettivo precipuo di conciliare la tutela della salute e la sicurezza di studenti e personale scolastico con il diritto allo studio costituzionalmente garantito”.