I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radio Mobile della Compagnia di Anagni hanno denunciato in stato di libertà un uomo che questa mattina si è reso protagonista di un acceso diverbio con il titolare di un’autofficina sita nella periferia di Anagni per futili motivi.

Ad avvisare i militari sono stati gli stessi addetti della officina; pochi minuti dopo i Carabinieri erano già sul posto ma l’uomo, nel corso del controllo, ha opposto resistenza passiva senza fornire indicazioni sulla sua identità personale. Pertanto, in considerazione del suo atteggiamento poco collaborativo, è stato accompagnato nella caserma di via G. Giminiani.

LA NOTA UFFICIALE DEI CARABINIERI

Di seguito, la nota stampa inviata a questa redazione dal Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri di Frosinone:

Nel pomeriggio di ieri, in Anagni, i militari del Nucleo Radiomobile della locale Compagnia Carabinieri deferivano in stato di libertà un 32enne originario della provincia di Messina, per “resistenza a Pubblico Ufficiale”.

Tutto trae origine da una banale anomalia verificatasi al TIR condotto dal messinese lungo l’autostrada del Sole, costretto a ricorrere alla riparazione presso un’officina meccanica prospiciente all’uscita dall’A1 della Città dei Papi. L’autista, colto da raptus di rabbia, iniziava ad inveire nei confronti del personale dell’officina perché più volte era intervenuto per il medesimo guasto. I meccanici erano quindi costretti a chiedere l’intervento dei militari della Compagnia anagnina che, giunti sul posto, venivano osteggiati energicamente dal camionista nell’azione di contenimento e di identificazione.