In Italia 11.252 nuovi casi di contagio da Sars-Cov2 nelle ultime 24 ore e 237 vittime: questo secondo quanto riporta nel quotidiano bollettino il Ministero della Salute.

Per quanto riguarda il caso specifico del Lazio,su oltre novemila tamponi processati (3.625 in meno rispetto a ieri) e quasi 14mila antigenici per un totale di oltre 23mila test, si registrano 943 casi positivi (-195), 39 i decessi (+12) e +1.498 i guariti.

“Diminuiscono i casi e i ricoveri, stabili le terapie intensive, mentre aumentano i decessi – spiega in una nota l’assessore regionale alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato – il rapporto tra positivi e tamponi è a 10%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende a 4%. I casi a Roma città tornano a quota 400.

Concordo con il Ministro Speranza la zona ‘gialla’ non è uno scampato pericolo – ha aggiunto D’Amato – con gli assembramenti si va dritti in zona ‘rossa’, chiedo il massimo rispetto delle regole. E’ stato fatto uno sforzo enorme per ritornare in fascia ‘gialla’ che rischia di essere vanificato dagli assembramenti che si sono visti nelle ultime ore. E’ meglio dire con chiarezza che se dovesse proseguire questa situazione è inevitabile un aumento dei casi e ulteriori misure di restringimento. E’ veramente da irresponsabili vanificare il lavoro fatto“.

Per quanto riguarda le province si registrano 282 casi e sono undici i decessi nelle ultime 24 ore. Nel territorio di competenza della Asl di Frosinone si registrano 85 nuovi casi: si tratta di casi isolati a domicilio, contatti di un caso già noto o con link familiare. Si registrano sette decessi di 41, 58, 81, 84, 87, 91 e 96 anni con patologie.