Katia Prili

E’ stata trovata priva di vita nell’abitazione del convivente – in zona Stazione – dopo che un parente stretto del compagno, più volte, da diverse ore, aveva provato invano a contattarli; Katia Prili, 51 anni a giugno prossimo, residente a Serrone potrebbe esser morta a seguito delle intossicazioni da monossido di carbonio dovute ad un malfunzionamento dell’impianto di riscaldamento. Intossicato in maniera seria il suo compagno, ora ricoverato all’ospedale di Subiaco fortunatamente non in pericolo di vita.

La notizia che in poco tempo ha fatto il giro del paese ha creato subito un profondo senso di commozione e di sincero affetto tra i compaesani di Katia: a Serrone, infatti, tutti la conoscevano come una ragazza educata ed affabile.

Di quanto accaduto si stanno occupando in queste ore i Carabinieri della Stazione di Piglio coordinati dal Luog.te Domenico Serpico; stamattina, all’ospedale di Frosinone, si è svolto l’esame esterno sul corpo della donna.