Al fine di evitare il fenomeno delle truffe online soprattutto ai danni di soggetti anche deboli ed ingenui come anziani, specie in questo periodo particolare dettato da restringimenti per impedire il diffondersi della pandemia da COVID19, i Carabinieri del Comando Compagnia di Anagni hanno organizzato una mirata attività di controllo del territorio finalizzata a tutelare le fasce deboli.

Nello specifico, i militari della Stazione di Piglio, nei giorni scorsi, avevano ricevuto una denuncia da parte di un 36enne del luogo, il quale aveva negoziato on-line l’acquisto di paletti in ferro e rete metallica per recinzione, versando cospicua somma sul conto corrente del venditore che, ricevuta la somma, ometteva di consegnare la merce, rendendosi irreperibile.

Al termine delle indagini svolte, i Carabinieri sono riusciti tuttavia a risalire all’autore della truffa, identificato in un 54enne residente nella provincia di Catanzaro, già censito per reati contro la persona, denunciandolo in stato di libertà per il reato di truffa informatica.

“Nel richiamare l’attenzione da parte di tutti i cittadini sul particolare fenomeno – si legge in un comunicato inviato a questa redazione dal Comando provinciale dell’Arma dei Carabinieri di Frosinone – si coglie l’occasione per ricordare che la collaborazione e le tempestive segnalazioni al 112 o alle Stazioni Carabinieri dislocate sul territorio, è fondamentale per consentire di orientare al meglio le indagini al fine di identificare i responsabili di simili reati. Inoltre, alcuni consigli utili per non rimanere intrappolati nella rete sono consultabili sul sito istituzionale dell’Arma dei carabinieri (http://www.carabinieri.it) nella sezione cittadino/consigli/telematici/internet/i-rischi dell’e-commerce.