Indagini serrate ed approfondite, condotte nella professionalità più assoluta e brillante, hanno portato, nella mattinata di oggi – sabato 19 dicembre 2020 – al fermo di tre persone, rispettivamente di nazionalità italiana, irachena e marocchina, tutti residenti nella zona di Valmontone, da parte degli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Colleferro coordinati dal dott. Marco Morelli. Gli arrestati hanno 20, 27 e 28 anni.

I tre, tutti già noti alle Forze dell’Ordine per precedenti specifici, sono accusati di violenza sessuale nei confronti di una minorenne: in particolare, due dei tre arrestati avrebbero stuprato la giovane mentre il terzo avrebbe assistito senza partecipare attivamente ma incitando gli altri due e masturbandosi mentre guardava la scena.

La violenza, secondo quanto ricostruito dagli stessi poliziotti, si sarebbe consumata attorno alle 18.00 vicino alla stazione ferroviaria di Valmontone, a pochi passi dall’abitazione della ragazza che era da poco scesa dal treno che da Roma l’aveva portata a Valmontone. All’individuazione dei tre avrebbe avuto parte attiva un testimone oculare dell’accaduto che, resosi conto di quanto stava accadendo, è corso in soccorso della giovane vittima facendo scappare il terzetto.

Utilissima, ai fini delle indagini, la ricostruzione effettuata dall’uomo e l’identikit fornito agli inquirenti che hanno permesso di risalire ai tre ritenuti responsabili dell’efferata violenza.

Tutti, al termine dei relativi accertamenti durati l’intera giornata di oggi, sono stati condotti in carcere, due a Rebibbia e uno a Frosinone. Ulteriori approfondimenti al riguardo potrebbero essere diffusi dalla Questura di Roma già nella giornata di domani, domenica 20 dicembre.