Pubblicato sul sito della Regione Lazio il bando pubblico “Comunità solidali” che prevede un investimento complessivo di 6,6 milioni di euro a sostegno di progetti di rilevanza locale promossi da organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale e fondazioni del Terzo settore per attività di contrasto alle diverse forme di esclusione e fragilità. Come previsto dall’accordo di programma tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Regione Lazio, i progetti dovranno avere tra le finalità l’implementazione delle reti territoriali del terzo settore, la promozione della cittadinanza attiva, l’emersione dei fabbisogni dei singoli territori e le ‘buone pratiche’ in termini di impatto sociale. I beneficiari del finanziamento potranno proporre progetti fino a un massimo di 50mila euro e partecipare in associazione con altre realtà del settore o con soggetti pubblici.

“In questa nuova edizione dell’avviso ‘Comunità solidali’ aumentiamo di 1,6 milioni le risorse a disposizione. Abbiamo inoltre introdotto alcune fondamentali novità, tra cui l’eliminazione di una soglia minima di richiesta di contributo per agevolare gli enti più piccoli e in particolare abbiamo eliminato l’obbligatorietà del cofinanziamento, che costituirà soltanto un elemento di premialità in sede di valutazione da parte della commissione. L’obiettivo è finanziare un numero più elevato di progetti di inclusione sociale e soddisfare una domanda da parte dei cittadini del Lazio che in questo momento particolare è più stringente. Con questo provvedimento continuiamo a intervenire a sostegno del Terzo settore, valorizzando il ruolo complementare e sussidiario che ricopre nella nostra società, confermando e implementando una misura che, ormai dal 2018, costituisce un’opportunità di crescita e di sviluppo del welfare regionale”, commenta l’Assessore regionale alle Politiche social, welfare ed enti locali, Alessandra Troncarelli.

Nello specifico, il totale dei fondi messi a bando è così suddiviso: oltre 2,2 milioni di euro sono destinati alle organizzazioni di volontariato e alle associazioni di promozione sociale e 4,4 milioni sono destinati, oltre che gli enti già menzionati, anche alle fondazioni del Terzo settore iscritte nei registi onlus della Regione Lazio. Anche per questa annualità la ripartizione delle risorse è in base agli ambiti territoriali delle ASL del Lazio nella percentuale del 50% in misura fissa tra tutti gli ambiti territoriali e il restante 50% in misura variabile sulla base della popolazione residente.

“Gli ambiti di intervento – prosegue l’assessore – sono trasversali e abbracciano un ampio ventaglio di offerta per le cittadine e i cittadini del Lazio. Per citarne alcuni, parliamo di progettualità volte al contrasto della povertà e alla riduzione delle ineguaglianze per eliminare le condizioni di fragilità svantaggio e di esclusione sociale, e anche progetti per la promozione della salute e del benessere per tutte le età, per la valorizzazione dell’agricoltura sostenibile e sociale, per il raggiungimento dell’uguaglianza di genere e di un’educazione equa, inclusiva e di qualità per tutti, per l’incentivazione dell’occupazione piena e inclusiva, per il rafforzamento dell’inclusione sociale e la lotta alla solitudine nelle città. Come Istituzione – conclude Troncarelli –  non ci sottraiamo ai nostri doveri e con questa misura  realizziamo un obiettivo importante che pone al centro i soggetti più fragili della collettività maggiormente colpiti dalle restrizioni e dalle misure di contrasto alla pandemia”.

Il bando è pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Lazio e la domanda dovrà essere trasmessa, a pena di esclusione, entro e non oltre le ore 24,00 del 1 febbraio 2021 secondo le modalità descritte nella domanda di partecipazione.