Crollo improvviso del soffitto nella chiesa di Santa Maria a Sgurgola. Nella tarda serata di ieri, forse a causa delle abbondanti piogge dei giorni scorsi, ha ceduto una volta della struttura nella piazza Pietro Sterbini, a pochi passi dalla sede comunale, provocando una gran nube di polvere. Una tragedia sfiorata: nel momento del crollo l’edificio sacro era chiuso al pubblico.

foto di Cvetan Ctoychev

Sul posto sono immediatamente intervenuti i Carabinieri della locale Stazione coordinati dal mar. Gaetano Sodano, i quali hanno subito avvertito il sindaco, il prof. Antonio Corsi, di quanto accaduto. Preventivamente è stato allertato anche il personale 118.

Che la chiesa fosse chiusa nel momento del crollo è stato confermato anche dai Vigili del Fuoco dopo il primo sopralluogo interno fatto questa mattina, una volta che il parroco, ha aperto il luogo sacro. Dalle prime notizie giunte dai pompieri, presenti sul posto con diverse squadre, non esserci risultano feriti.

“Abbiamo sentito un boato spaventoso e visto una nuvola di fumo, siamo scesi giù e ci siamo resi conto di quanto accaduto”, racconta un testimone che abita poco lontano.

I militari dell’Arma e i Vigili del Fuoco hanno anche transennato l’area limitando così il passaggio a autoveicoli e a persone che hanno assistito, dall’esterno, alle impressionanti immagini del post-crollo. Tutte le persone sono state messe in sicurezza.

Saranno gli accertamenti delle prossime ore a determinare le cause del cedimento di di questa che è la chiesa principale del paese, costruita sul finire del 1600 e che presenta una struttura semplice, ad una sola navata. Lo stile prevalente all’interno si ispira al gusto barocco. La facciata è stata recentemente restaurata; il portale di ingresso è opera dell’artista anagnino Tommaso Gismondi.

SGURGOLA: Revisione obbligatoria delle chiese come avviene per le automobili? La nota di Giorgio Alessandro Pacetti

E’ questa una domanda angosciante visto il degrado in cui versa il nostro patrimonio pubblico edilizio dopo il crollo del tetto della chiesa di Santa Maria a Sgurgola avvenuto nella serata del 3 Dicembre 2020 senza recare danni a persone in quanto la chiesa era chiusa.

La stampa, spesso, enfatizza lo stato di dissesto in cui si trovano molti monumenti, invocando urgenti provvedimenti.

Ma l’aggressione di sostanze inquinanti non riguarda solo le opere d’arte ma l’intero patrimonio edilizio – case, edifici pubblici, impianti sportivi, eccetera- sottoposti all’azione di quel martello pneumatico – silenzioso ma non per questo meno dirompente – rappresentato dagli agenti atmosferici, carichi di veleni di ogni tipo.

Gli effetti di questo martellamento incessante qualche volta si vedono ad occhio nudo:

facciate scrostate, balconi che sembrano appesi ad un filo, rivestimenti che mostrano ampi vuoti.

Qualche volta, purtroppo, divengono gravi fatti di cronaca:

passanti coinvolti nella caduta di lastre di marmo, di muri, di pezzi d’intonaco, ecc.ecc.

Spesso non fanno notizia ma non risultano perciò meno insidiosi:

materiali che si sbriciolano dopo un certo di numero di anni;

restauri che non tengono conto della compatibilità fra un materiale e l’altro;

interventi effettuati senza aver verificato in modo rigoroso il precedente stato dei luoghi.

Una domanda sorge spontanea:

che fine ha fatto il decantato “fascicolo del fabbricato” che doveva essere una sorta di patente con lo stato di salute dei fabbricati?

E’ ovvio che anche le Amministrazioni Comunali dovranno fare il loro dovere:

prevedere nei bilanci un fondo a favore dei proprietari degli immobili che vogliono mettersi in regola, nella forma di uno sgravio fiscale in modo che una famiglia media possa spendere per il “fascicolo del fabbricato” un importo equo in cambio della sicurezza.

Giorgio Alessandro Pacetti,per le foto ringraziamo Mosé Gaglio